BANDO PER INVESTIMENTI IN MACCHINARI, IMPIANTI E BENI INTANGIBILI - SETTORE CULTURA

pubblicato 27 ott 2016, 04:19 da Filippo Fiori   [ aggiornato in data 21 nov 2016, 01:53 ]
È stato pubblicato il 10 ottobre il bando regionale che prevede la concessione di aiuti per investimenti in macchinari, impianti e beni intangibili, e accompagnamento dei processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale, nell’ambito del Programma Operativo Regionale del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (POR FESR) per il periodo 2014-2020.

Destinatari

Beneficiari sono le PMI del settore cultura, in grado di soddisfare i seguenti requisiti: 
  • essere regolarmente iscritte come “Attive” al Registro delle Imprese da più di 12 mesi alla data di apertura dei termini per la presentazione della domanda;
  • esercitare un’attività economica classificata con codice ISTAT ATECO 2007 primario e/o secondario nei settori indicati (allegato C);
  • avere l'unità operativa, o le unità operative, in cui realizzano il progetto imprenditoriale in Veneto;
  • non essere iscritte nella Sezione speciale del Registro Imprese dedicata alle start-up innovative.
Interventi ammissibili

Sono ammissibili i progetti volti a introdurre innovazioni tecnologiche di prodotto e di processo, ad ammodernare i macchinari e gli impianti e ad accompagnare i processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale anche attraverso lo sviluppo di business digitali.

Il progetto ammesso all'agevolazione deve essere concluso entro il termine perentorio del 30 novembre 2017.

Non sono ammissibili i progetti portati materialmente a termine o completamente attuati prima della presentazione della domanda di partecipazione, a prescindere dall’effettuazione dei pagamenti.

Spese ammissibili

Sono ammissibili le spese relative all’acquisto di beni tangibili, di beni intangibili e per il sostegno all’accompagnamento dei processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale secondo le seguenti voci:
    • acquisto di hardware comprensivo del software di base, strumentazione tecnica e attrezzature tecnologiche;
    • opere edili/murarie, ricadenti negli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria;
    • programmi informatici, anche per la digitalizzazione e messa in rete del patrimonio culturale;
    • consulenze specialistiche (servizi a supporto di: logistica, marketing, creazione di programmi culturali volti all’audience development, consulenza tecnologia e manageriale);
    • costi della garanzia fidejussoria.
      Le spese devono essere sostenute e pagate interamente tra l’01/01/2016 e il 30/11/2017.

      Tipologia di sostegno e dotazione finanziaria 

      Contributo a fondo perduto pari al 70% della spesa rendicontata ammissibile, con i seguenti limiti: 
      • minimo di €  10.500,00 a fronte di una spesa rendicontata e ammessa pari a € 15.000,00;
      • massimo € 200.000,00 a fronte di una spesa rendicontata e ammessa almeno pari a € 285.714,29.
      Le agevolazioni sono concesse sulla base di procedura valutativa con procedimento a graduatoria. 

      La dotazione finanziaria è pari a € 3.000.000,00.

      Modalità e termini di presentazione delle domande 

      La domanda di sostegno deve essere compilata e presentata esclusivamente per via telematica, attraverso il Sistema Informativo Unificato della Programmazione Unitaria (SIU) della Regione.

      La domanda può essere presentata dalle 10.00 del 03/11/2016, fino alle 18.00 del 05/12/2016.
      Ċ
      Filippo Fiori,
      27 ott 2016, 04:19
      Ċ
      Filippo Fiori,
      27 ott 2016, 04:19
      Comments