OPPORTUNITA'‎ > ‎CONTRIBUTI‎ > ‎

Cultura, creatività e turismo


CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PER LO SVILUPPO E IL CONSOLIDAMENTO DI RETI DI IMPRESE E/O CLUB DI PRODOTTO

pubblicato 23 nov 2017, 09:06 da Filippo Fiori   [ aggiornato in data 23 nov 2017, 09:07 ]

È stato approvato, nell'ambito del POR FESR, un bando finalizzato a promuovere e sostenere l’avvio, sviluppo e consolidamento di ‘club di prodotto’ nella forma di reti di imprese con ‘contratto di rete’, per favorire il riposizionamento differenziato delle imprese che ne fanno parte e - conseguentemente delle destinazioni turistiche o dei territori in cui operano, nonché lo sviluppo di nuovi prodotti e nuovi servizi, tenendo conto delle mutate esigenze della domanda turistica sulla base di specifiche analisi di mercato (azione 3.3.4 B).

Destinatari
Possono presentare domanda le reti di imprese costituite con la forma giuridica del contratto di rete (soggetto o contratto), composte da almeno 9 PMI, di cui 1/3 strutture ricettive e 1/3 dotate di unità operativa attiva in uno dei comuni aderenti a OGD riconosciute dalla Regione Veneto e dotate del relativo Piano Strategico di Destinazione.

Interventi ammissibili
I contributi saranno concessi per sostenere le seguenti tipologie di investimenti:
  • l’ideazione di club di prodotto (analisi di mercato, benchmark, formazione, strumenti innovativi); 
  • l’avvio e la costituzione di club di prodotto, anche attraverso l’acquisto e la realizzazione di “beni di club”, la condivisione di servizi specialistici, la gestione e le attività di marketing, networking, dynamic packaging, a favore delle imprese aderenti al club e a beni strumentali alle diverse tipologie di club; 
  • lo sviluppo e il consolidamento di club di prodotto esistenti.

Spese ammissibili
Saranno ammesse le seguenti tipologie di spesa:
  • consulenza per analisi di mercato, benchmark, strumenti innovativi (max. 3% della spesa ammissibile); 
  • costituzione/aggiornamento della rete (massimo € 5.000,00); 
  • acquisto di beni mobili e servizi funzionali alla creazione e sviluppo del prodotto turistico; 
  • assistenza tecnico-specialistica per lo sviluppo e il coordinamento operativo del progetto di rete (massimo 20% della spesa ammissibile); 
  • promozione e commercializzazione del prodotto turistico (massimo 30% della spesa ammissibile); 
  • formazione titolari e/o personale dipendente delle imprese(massimo 5% della spesa ammissibile); 
  • garanzia fidejussoria bancaria o assicurativa; 
  • interventi edilizi/di impiantistica finalizzati alla creazione e sviluppo del prodotto turistico (max. 40%); 
  • progettazione, direzione lavori e collaudo (massimo € 3.000,00 e solo per compenso professionista). 

Tipologia di sostegno e dotazione finanziaria
È prevista l’assegnazione di un contributo a fondo perduto in misura pari al 50% delle spese ammissibili, fino ad un massimo di € 200.000,00.
I progetti devono prevedere un valore di spese ammissibili pari ad almeno € 80.000,00 (IVA esclusa).
La dotazione finanziaria complessiva è pari a € 1.500.000,00.
La valutazione delle domande ricevute avverrà secondo procedura a graduatoria, in base ai criteri individuati dal bando. Sono previste soglie minime di punteggio relativamente ad alcune voci specifiche.
I progetti devono concludersi entro 18 mesi dalla pubblicazione sul BUR del Decreto di ammissione a finanziamento.

Modalità e termini di presentazione delle domande
Le domande dovranno essere presentate esclusivamente attraverso il Sistema Informativo Unificato della Programmazione Unitaria (SIU) della Regione, dalle 15.00 del 5/12/2017 alle 17.00 del 31/01/2018.

BANDO PER INVESTIMENTI INNOVATIVI NEL SETTORE RICETTIVO TURISTICO

pubblicato 23 gen 2017, 03:36 da Filippo Fiori   [ aggiornato in data 7 apr 2017, 02:25 ]

ATTENZIONE: IL TERMINE PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE È STATO SPOSTATO ALL'11 MAGGIO

La Regione del Veneto mette a disposizione dodici milioni di euro per l'ammodernamento, la ristrutturazione e l'innovazione delle strutture ricettive per migliorare la qualità dell’offerta turistica delle destinazioni venete.
L’investimento oggetto del sostegno deve essere realizzato esclusivamente nell’ambito territoriale dei Comuni aderenti a una Organizzazione di Gestione della Destinazione (OGD). Sono esclusi i Comuni totalmente montani, anche se aderenti a una OGD, poiché fruiscono del Fondo speciale per le Dolomiti e la Montagna Veneta, attivato dalla Regione nei mesi scorsi. 

Destinatari

Possono beneficiare del sostegno le micro, piccole e medie imprese (PMI), indipendentemente dalla loro forma giuridica: strutture ricettive alberghiere (alberghi o hotel, villaggi albergo, residenze turistico-alberghiere, alberghi diffusi), strutture ricettive all’aperto (villaggi turistici, campeggi), strutture ricettive complementari (alloggi turistici, case per vacanze, unità abitative ammobiliate ad uso turistico, bed & breakfast).

Interventi ammissibili

Sono ammissibili gli interventi finalizzati a innovare e differenziare l’offerta e i prodotti turistici dell’impresa e/o della destinazione turistica in cui opera la struttura ricettiva.
Tra questi rientrano, a titolo esemplificativo e non esaustivo, gli interventi relativi a:
  • ampliamento, ristrutturazione, manutenzione, riconversione delle strutture ricettive esistenti;
  • impianti e strumenti tecnologici (hardware e software) connessi all’attività d’impresa e finalizzati all’innovazione dei processi organizzativi e dei servizi per gli ospiti;
  • qualificazione dei requisiti di servizio e di dotazione;
  • riduzione dell’impatto ambientale e del consumo di risorse della struttura;
  • crescita dimensionale delle imprese stesse, accorpamento di attività tra soggetti imprenditoriali, sviluppo di sinergie tra imprese del turismo e altre attività economiche;
  • investimenti in ottica di turismo sostenibile;
  • realizzazione di aree benessere, piscine, sala congressi, wellness, ecc. complementari alle strutture ammissibili;
  • miglioramento dell’accessibilità della struttura alle persone con disabilità.

Spese ammissibili

Saranno ammesse le seguenti tipologie di spesa:
  • opere edili/murarie e di impiantistica,
  • strumenti tecnologici, comprese le dotazioni informatiche hardware e software;
  • progettazione, collaudo e direzioni lavori,
  • attrezzature, macchinari e arredi funzionali al progetto;
  • certificazioni di qualità, di sicurezza, ambientali o energetica;
  • fidejussione bancaria, nel caso di erogazione del sostegno tramite anticipo;
  • diritti di brevetto, licenze, know-how o altre forme di proprietà intellettuale.

Tipologia di sostegno e dotazione finanziaria

Prima di iniziare a compilare la domanda di sostegno, l’impresa richiedente dovrà scegliere il regime di aiuto applicabile, tra due alternativi.
Il primo è il regime de minimis, per interventi con importi complessivi di spesa ammissibile tra € 100.000,00 e € 666.000,00.
In questo caso l’intensità massima dell’aiuto, nella forma di contributo in conto capitale, è del 30% della spesa ammissibile, con un massimo di contributo erogabile pari a € 200.000,00.
Il secondo regime utilizzabile è quello degli aiuti compatibili con il mercato interno, per progetti per un costo complessivo tra € 250.000,00 ed € 2.500.000,00.
In questo caso l’intensità massima dell’aiuto previsto (in conto capitale) è del 10% della spesa ammissibile per le medie imprese, del 20% per le micro e piccole imprese.
La dotazione finanziaria complessiva è pari a € 12.000.000,00.
La valutazione delle domande ricevute avverrà secondo procedura a graduatoria, in base ai criteri individuati dal bando, con un punteggio minimo richiesto pari a 10 punti.
I progetti devono concludersi entro 20 mesi dalla pubblicazione sul BUR del Decreto di ammissione a finanziamento.

Modalità e termini di presentazione delle domande

Le domande dovranno essere presentate esclusivamente per via telematica, attraverso il Sistema Informativo Unificato della Programmazione Unitaria (SIU) della Regione del Veneto, dal 18 gennaio 2017 e fino alle 17.00 dell'11 maggio 2017. 

BANDO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE PER LO SVILUPPO E IL CONSOLIDAMENTO DI RETI DI IMPRESE E/O CLUB DI PRODOTTO

pubblicato 23 gen 2017, 01:29 da Filippo Fiori   [ aggiornato in data 7 apr 2017, 02:29 ]

ATTENZIONE: IL TERMINE PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE È STATO SPOSTATO ALL'11 MAGGIO

Dal 18 gennaio e fino all'11 maggio 2017 è possibile presentare richieste di contributo alla Regione del Veneto per interventi di avvio, sviluppo e consolidamento di “club di prodotto” che favoriscano il riposizionamento differenziato delle imprese e delle destinazioni turistiche venete, nonché lo sviluppo di nuovi prodotti e nuovi servizi.

Destinatari

Possono presentare domanda le reti di imprese costituite con la forma giuridica del contratto di rete (soggetto o contratto), composte da almeno 9 PMI, di cui 1/3 strutture ricettive e 1/3 dotate di unità operativa attiva in uno dei comuni che abbiano dato formale adesione a OGD riconosciute dalla Regione Veneto, che abbiano già adottato e trasmesso il Destination Management Plan.

Interventi ammissibili

I contributi saranno concessi per sostenere le seguenti tipologie di investimenti:
  • l’ideazione di club di prodotto (analisi di mercato, benchmark, formazione, strumenti innovativi);
  • l’avvio e la costituzione di club di prodotto, anche attraverso l’acquisto e la realizzazione di “beni di club” e/o la condivisione di servizi specialistici, la gestione e le attività di marketing, networking, dynamic packaging, a favore delle imprese aderenti al club e a beni strumentali alle diverse tipologie di club;
  • lo sviluppo e il consolidamento di club di prodotto esistenti.

Spese ammissibili

Saranno ammesse le seguenti tipologie di spesa:
  • consulenza per analisi di mercato;
  • costituzione/aggiornamento della rete (massimo € 5.000,00);
  • acquisto di beni mobili e servizi funzionali alla creazione e sviluppo del prodotto turistico;
  • assistenza tecnico-specialistica per lo sviluppo e il coordinamento operativo del progetto di rete (massimo 20% della spesa ammissibile);
  • promozione e commercializzazione del prodotto turistico (massimo 25% della spesa ammissibile);
  • formazione titolari e/o personale delle PMI della rete (massimo 5% della spesa ammissibile);
  • garanzia fidejussoria bancaria o assicurativa;
  • interventi edilizi e di impiantistica finalizzati alla creazione e sviluppo del prodotto turistico (massimo 40% della spesa ammissibile);
  • progettazione, direzione lavori e collaudo (massimo € 3.000,00 e solo per compenso professionista).

Tipologia di sostegno e dotazione finanziaria

È prevista l’assegnazione di un contributo a fondo perduto in misura pari al 50% delle spese ammissibili, fino ad un massimo di € 200.000,00.
I progetti devono prevedere un valore di spese ammissibili pari ad almeno € 80.000,00 (IVA esclusa).
La dotazione finanziaria complessiva è pari a € 1.800.000,00.
La valutazione delle domande ricevute avverrà secondo procedura a graduatoria, in base ai criteri individuati dal bando, con un punteggio minimo richiesto pari a 10 punti.
I progetti devono concludersi entro 18 mesi dalla pubblicazione sul BUR del Decreto di ammissione a finanziamento.

Modalità e termini di presentazione delle domande

Le domande dovranno essere presentate esclusivamente per via telematica, attraverso il Sistema Informativo Unificato della Programmazione Unitaria (SIU) della Regione del Veneto, dal 18 gennaio 2017 e fino alle 17.00 dell'11 maggio 2017.

BANDO PER INVESTIMENTI IN MACCHINARI, IMPIANTI E BENI INTANGIBILI - SETTORE CULTURA

pubblicato 27 ott 2016, 04:19 da Filippo Fiori   [ aggiornato in data 21 nov 2016, 01:53 ]

È stato pubblicato il 10 ottobre il bando regionale che prevede la concessione di aiuti per investimenti in macchinari, impianti e beni intangibili, e accompagnamento dei processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale, nell’ambito del Programma Operativo Regionale del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (POR FESR) per il periodo 2014-2020.

Destinatari

Beneficiari sono le PMI del settore cultura, in grado di soddisfare i seguenti requisiti: 
  • essere regolarmente iscritte come “Attive” al Registro delle Imprese da più di 12 mesi alla data di apertura dei termini per la presentazione della domanda;
  • esercitare un’attività economica classificata con codice ISTAT ATECO 2007 primario e/o secondario nei settori indicati (allegato C);
  • avere l'unità operativa, o le unità operative, in cui realizzano il progetto imprenditoriale in Veneto;
  • non essere iscritte nella Sezione speciale del Registro Imprese dedicata alle start-up innovative.
Interventi ammissibili

Sono ammissibili i progetti volti a introdurre innovazioni tecnologiche di prodotto e di processo, ad ammodernare i macchinari e gli impianti e ad accompagnare i processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale anche attraverso lo sviluppo di business digitali.

Il progetto ammesso all'agevolazione deve essere concluso entro il termine perentorio del 30 novembre 2017.

Non sono ammissibili i progetti portati materialmente a termine o completamente attuati prima della presentazione della domanda di partecipazione, a prescindere dall’effettuazione dei pagamenti.

Spese ammissibili

Sono ammissibili le spese relative all’acquisto di beni tangibili, di beni intangibili e per il sostegno all’accompagnamento dei processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale secondo le seguenti voci:
    • acquisto di hardware comprensivo del software di base, strumentazione tecnica e attrezzature tecnologiche;
    • opere edili/murarie, ricadenti negli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria;
    • programmi informatici, anche per la digitalizzazione e messa in rete del patrimonio culturale;
    • consulenze specialistiche (servizi a supporto di: logistica, marketing, creazione di programmi culturali volti all’audience development, consulenza tecnologia e manageriale);
    • costi della garanzia fidejussoria.
      Le spese devono essere sostenute e pagate interamente tra l’01/01/2016 e il 30/11/2017.

      Tipologia di sostegno e dotazione finanziaria 

      Contributo a fondo perduto pari al 70% della spesa rendicontata ammissibile, con i seguenti limiti: 
      • minimo di €  10.500,00 a fronte di una spesa rendicontata e ammessa pari a € 15.000,00;
      • massimo € 200.000,00 a fronte di una spesa rendicontata e ammessa almeno pari a € 285.714,29.
      Le agevolazioni sono concesse sulla base di procedura valutativa con procedimento a graduatoria. 

      La dotazione finanziaria è pari a € 3.000.000,00.

      Modalità e termini di presentazione delle domande 

      La domanda di sostegno deve essere compilata e presentata esclusivamente per via telematica, attraverso il Sistema Informativo Unificato della Programmazione Unitaria (SIU) della Regione.

      La domanda può essere presentata dalle 10.00 del 03/11/2016, fino alle 18.00 del 05/12/2016.

      POR FESR: BANDO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE CULTURALI, CREATIVE E DELLO SPETTACOLO

      pubblicato 23 giu 2016, 08:50 da Filippo Fiori   [ aggiornato in data 15 lug 2016, 09:02 ]

      La Giunta regionale del Veneto ha approvato il bando per l’erogazione di contributi a fondo perduto alle nuove imprese culturali, creative e dello spettacolo, con una dotazione finanziaria iniziale di 1,5 milioni di euro del Programma Operativo Regionale (POR) del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) 2014-2020.

      Il bando è dedicato, quindi, alle imprese che fanno leva sulla creatività e l’innovazione, cioè quelle che producono o distribuiscono beni o servizi nell’ambito delle arti dello spettacolo, delle arti visive, del patrimonio culturale, dell’audiovisivo, dei videogiochi, dei nuovi media, della musica e dell’editoria.

      Potenziali beneficiarie delle agevolazioni sono le micro e piccole imprese, indipendentemente dalla loro forma giuridica. Saranno ritenute ammissibili le spese riguardanti l’acquisto di beni materiali e immateriali e servizi: hardware, programmi informatici, attrezzature, arredi, opere edili, murarie, impiantistica, progettazioni, locazioni, direzione lavori e collaudo, spese notarili di costituzione della società o dell’associazione di professionisti, acquisizione di servizi di consulenza, promozione dell’impresa, ecc.

      Le domande di partecipazione al bando devono essere compilate e presentate nel periodo compreso tra l'1 luglio e il 31 agosto 2016, esclusivamente per via telematica, attraverso il Sistema Informativo Unificato della Programmazione Unitaria (SIU) della Regione..

      I contributi a fondo perduto saranno pari al 70% della spesa rendicontata ritenuta ammissibile per la realizzazione del progetto e comunque nel limite massimo di 140 mila euro e minimo di 14 mila euro. Non sono ammesse domande di partecipazione i cui progetti comportino spese per un importo inferiore a 20 mila euro.

      Il bando e tutta la documentazione ufficiale sono disponibili qui.

      POR FESR 2014-2020: PUBBLICATO BANDO PER LE NUOVE IMPRESE CHE OPERANO NEL TURISMO

      pubblicato 8 giu 2016, 09:28 da Filippo Fiori   [ aggiornato in data 15 lug 2016, 09:09 ]

      La Giunta regionale del Veneto ha approvato il 7 giugno il bando per l’erogazione di contributi finalizzati a promuovere e finanziare l’attivazione di nuove imprese, anche complementari al settore turistico tradizionale, per la realizzazione di prodotti innovativi riguardanti in particolare il cicloturismo e il turismo enogastronomico.

      Si tratta del terzo bando attivato nell’ambito del POR FESR 2014-2020.

      Le risorse, pari a 1,6 milioni di euro, sono messe a disposizione in attuazione dell’azione 3.3.4 “Sostegno alla competitività delle imprese nelle destinazioni turistiche, attraverso interventi di qualificazione dell’offerta e innovazione di prodotto/servizio, strategica ed organizzativa”, e nello specifico della sub-azione A “Attivazione di nuove imprese anche complementari al settore turistico tradizionale”.

      Destinatari dei contributi potranno essere le micro, piccole e medie imprese di nuova costituzione localizzate nei Comuni che hanno formalmente aderito all’Organizzazione di Gestione della Destinazione (OGD) “Dolomiti” e quelle nei Comuni attraversati (o con essi confinanti) dai principali itinerari cicloturistici e dai percorsi riconosciuti nell’ambito della Rete Escursionistica Veneta.

      Bando, documentazione ufficiale e modulistica sono disponibili qui.

      1-6 of 6