SALA STAMPA‎ > ‎Notizie Eventi‎ > ‎

RISCHIO SISMICO: VALUTAZIONE E PREVENZIONE

pubblicato 15 mar 2016, 08:22 da Edi Barbazza   [ aggiornato in data 15 mar 2016, 08:23 ]
Il rischio sismico al centro dell’incontro che si svolgerà venerdì 18 marzo alle ore 19.00 presso la sala La Fornace nella sede di Confartigianato AsoloMontebelluna.
Molto spesso i pericoli derivanti da terremoto vengono sottovalutati sino a quando non si viene colpiti da una scossa tellurica che ci porta a fare la conta dei danni e a rimpiangere di non aver adottato delle misure di prevenzione.
Le conseguenze di un terremoto dipendono anche dalle caratteristiche di resistenza delle costruzioni alle azioni di una scossa sismica. Quanto più un edificio è vulnerabile (per tipologia, progettazione inadeguata, scadente qualità dei materiali, modalità di costruzione e scarsa manutenzione), tanto maggiori saranno le conseguenze.
Una corretta valutazione dei rischi e l’utilizzo di strumenti e sistemi di prevenzione per la messa in sicurezza degli stabili consentirebbero di ridurre i danni alle persone e alle cose.
La disamina dei principali interventi che si possono realizzare sugli edifici, internamente ed esternamente, per ridurre il rischio sismico e la presentazione delle agevolazioni economiche previste per la loro attuazione saranno oggetto delle relazioni degli esperti che prenderanno parte al seminario.

Interverranno
RENZO SARTORI, presidente Confartigianato Imprese Marca Trevigiana
FAUSTO BOSA, presidente Confartigianato AsoloMontebelluna
PAOLO BASSANI, presidente provinciale e regionale categoria edilizia

ANDREA GIANNANTONI, ricercatore T.D. Università di Ferrara, LAURA LUDOVISI, progettista strutturale / Diagnosi dei dissesti del costruito storico e consolidamento della Fornace di Asolo
ENNIO CASAGRANDE, autore del libro “Rischio sismico nei luoghi di lavoro” / Terremoto e luoghi di lavoro
DARIO MARZOLA, consulente fiscale Confartigianato Imprese Marca Trevigiana / Agevolazioni fiscali per interventi per la riduzione del rischio sismico

Ċ
Edi Barbazza,
15 mar 2016, 08:22
Comments