SALA STAMPA‎ > ‎Notizie Eventi‎ > ‎

NUOVE PROSPETTIVE - STATI DI CAMBIAMENTO: CICLO DI INCONTRI

pubblicato 13 ott 2014, 10:05 da Edi Barbazza   [ aggiornato il 15 ott 2014, 06:44 da Giorgio Gagliardi ]
Tutti i programmi delle principali nazioni europee concordano sul fatto che il rilancio economico sarà trainato dalla capacità di far emergere le doti di leadership naturale delle donne e la forza innovativa dirompente dei giovani. HORIZON 2020, il nuovo programma europeo di finanziamento che integra in un’unica cornice il Settimo Programma Quadro di Ricerca (7PQ), il programma Innovazione e Competitività (CIP) e l’istituto per l’innovazione e la tecnologia (IET), riserva molte iniziative e strumenti di supporto, in particolare nell’ambito dell’autoimprenditorialità, ai giovani e alla fascia della popolazione femminile. Tale spinta si combina con l’emergere progressivo della ricerca nel mondo associativo di nuove modalità di rappresentanza imprenditoriale che garantiscano una continuità nella successione tra vecchio e nuovo, al fine di non ridurre tale passaggio ad un mero scontro tra generazioni, ma lo
finalizzino ad un’occasione per far fare un salto di qualità all’intero mondo imprenditoriale ed associativo, garantiscano una continuità nella successione tra vecchio e nuovo, al fine di non ridurre tale passaggio ad un mero scontro tra generazioni, ma lo finalizzino ad un’occasione per far fare un salto di qualità all’intero mondo imprenditoriale ed associativo.
I gruppi DonneImpresa e il gruppo Giovani Imprenditori di Confartigianato Marca Trevigiana promuovono tre incontri volti a:
  • far emergere le modalità con cui la nuova classe imprenditoriale sta affrontando le sfide fondamentali per il rilancio dell’economia;
  • far emergere le dinamiche interne ed i nuovi approcci che stanno maturando all’interno delle associazioni di categoria nel perseguimento di una migliore capacità di costruire una rappresentanza più adeguata alle nuove sfide;
  • sperimentare forme di aggregazione per sensibilizzare i partecipanti sulla necessità di aprirsi al cambiamento e a nuove modalità di interazione secondo una logica di gioco di squadra.
In allegato il programma.
Ċ
Giorgio Gagliardi,
17 ott 2014, 03:58