SALA STAMPA‎ > ‎Notizie Eventi‎ > ‎

FIRMATO IL PROTOCOLLO D'INTESA CON L'INPS

pubblicato 16 nov 2017, 05:57 da Edi Barbazza
E’ stato siglato stamane tra il presidente di Confartigianato Imprese Marca Trevigiana Vendemiano Sartor e il direttore dell’INPS di Treviso Marco De Sabbata, il protocollo che conferma e rinnova la collaborazione  esistente a vantaggio delle imprese, rendendo più snelle, meno complesse e più efficaci le procedure previste per il dialogo con l’Istituto. 



 “Questa azione si inerisce nell’attività promossa dal nostro sistema associativo provinciale quale soggetto di rete – afferma Vendemiano Sartor Presidente di Confartigianato Imprese Marca Trevigiana – per offrire soluzioni immediate ai nostri soci su problematiche di carattere burocratico dovute al legislatore che, con l’introduzione di nuovi incentivi per le assunzioni, riforme degli ammortizzatori sociali e del sistema pensionistico, assegna all’INPS e alla sua piattaforma informatica un crescente numero di funzioni e alle imprese una mole di adempimenti la cui tempestiva correttezza applicativa ne condiziona la competitività. Si pensi, ad esempio, agli effetti negativi di un DURC, Documento Unico di Regolarità Contributiva, non regolare ai fini dell’accesso all’assegnazione di gare o appalti.”
L’INPS, con l’accordo sottoscritto,  si impegna in particolare a: 
  • garantire un canale dedicato alla trattazione di istanze o richieste tramite cassetto informatico bidirezionale; 
  • ricevere gli iscritti a Confartigianato per il suo tramite in caso di problematiche di particolare complessità o che hanno un impatto su svariate utenze; garantire, entro 10 giorni, un riscontro alle comunicazioni telematiche inoltrate dalle imprese per il tramite dell’Associazione; 
  • fornire informazioni su problematiche ricorrenti; 
  • dedicare a Confartigianato Imprese Marca Trevigiana uno sportello, in un giorno fisso della settimana, per la verifica di singole posizioni contributive, del corretto inquadramento dell’attività artigiana, per il supporto su nuovi strumenti come il lavoro occasionale nonché la consulenza ai fini del raggiungimento del traguardo pensionistico per i singoli artigiani e loro collaboratori familiari.
L’Associazione per conto delle imprese assistite si impegna a: 
rispondere entro 30 giorni lavorativi dalla ricezione di una comunicazione, all’Istituto; 
sensibilizzare e informare i propri associati sulle sanzioni derivanti dalla violazione delle leggi e sui benefici conseguenti agli adempimenti contributivi; sull’importanza del rispetto delle regole ai fini della corretta competizione tra imprese sul costo del lavoro.

“E’ importante promuovere congiuntamente seminari tecnici, incontri formativi nelle materie di competenza dell’Inps, con specifico riferimento ai temi della previdenza e del contrasto al lavoro irregolare e sommerso– prosegue il Presidente Sartor- Siamo convinti di poter continuare ad assicurare, forti anche di questa collaborazione, sostegno agli imprenditori del nostro territorio che rappresenta il cuore pulsante del Paese. La sinergia promossa concorrerà anche a ridurre il  costo indiretto a carico delle imprese che il crescente numero di adempimenti inevitabilmente introduce. Si tratta di un modello collaborativo che, muovendo dal dialogo con l’istituto, contribuisce a superare i limiti di un confronto esclusivamente telematico”. 
“Confartigianato - conclude Sartor - metterà a disposizione dell’Inps e a vantaggio delle aziende la sua  esperienza  e le sue competenze in materia di assistenza e consulenza sul lavoro e in  ambito pensionistico forte del nostro patronato, richiedendo all’INPS che le imprese virtuose beneficino di servizi più efficienti e le persone di prestazioni assistenziali e previdenziali in tempi certi rapidi.”
“Con la sottoscrizione del presente protocollo – precisa il direttore dell’Inps di Treviso, Marco De Sabbata – intendiamo rafforzare la sinergia operativa tra l’Istituto e l’associazionismo territoriale, in particolare con Confartigianato Imprese Marca Trevigiana che rappresenta il tessuto sociale e produttivo della comunità trevigiana, ossia l’impresa artigiana.”


Comments