SALA STAMPA‎ > ‎Notizie Eventi‎ > ‎

CORONAVIRUS - GESTIONE DEI CONTRATTI NELL'EMERGENZA

pubblicato 26 mar 2020, 11:35 da Edi Barbazza

A seguito della sospensione dell’attività di molte imprese si sono ridotte le entrate finanziarie e risulta difficile  adempiere alle scadenze di pagamento programmate; si rileva inoltre l’impossibilità di rendere le prestazioni ovvero fornire i beni per i quali le imprese si sono contrattualmente impegnate.

Il Decreto Cura Italia ha previsto che, per le eventuali richieste di danno conseguenti ai citati inadempimenti, il giudice tenga sempre conto degli effetti delle misure di contenimento adottate per l’emergenza Coronavirus.

In altre parole, se il debitore si trova nell’impossibilità di provvedere ai pagamenti o ad altri impegni in scadenza per effetto della straordinaria situazione, non dovrebbe essere tenuto all’indenizzo per i danni, siano essi formalmente previsti nei contratti o meno.

Ancor più importante è ricordare che anche senza interventi normativi ad hoc, già il codice civile prevede che in caso di temporanea impossibilità ad adempiere, situazione verosimilmente frequente in questo periodo, l’obbligato non è responsabile del ritardo sino a quando l’impossibilità perdura.

Al fine di preservare le relazioni commerciali, che certamente saranno fondamentali in vista dell’auspicata ripresa, è opportuno relazionarsi tempestivamente con clienti e fornitori per  accordarsi sulla gestione dell’emergenza.

Comments