SALA STAMPA‎ > ‎Notizie Eventi‎ > ‎

BANDO INAIL ISI 2013 - 29 MAGGIO CLICK DAY

pubblicato 04 giu 2014, 07:06 da Edi Barbazza   [ aggiornato il 11 giu 2014, 08:52 da Giorgio Gagliardi ]
Giovedì 29 maggio alle 16.00 scatterà la seconda fase dell'operazione incentivi INAIL per l'assegnazione dei 307, 3 milioni di euro a fondo perduto del bando ISI 2013 , di cui oltre 22 milioni riservati al Veneto (7.2%)*, destinati alle imprese per investimenti in materia di potenziamento della sicurezza e di miglioramento dei livelli di salute nei luoghi di lavoro.
La conclusione del click day e' fissata per le 16.30 dello stesso pomeriggio. Per la serie chi primo arriva meglio alloggia, dato che l'assegnazione dei finanziamenti, distribuiti sulla base di budget regionali, non viene fatta in virtù della qualità dei progetti redatti dalle singole aziende ma è vincolata alla velocità della digitazione, all'ordine cronologico di arrivo delle domande.
I contributi, concessi in misura pari al 65% dell'investimento previsto e fino ad un massimo di 130mila euro, saranno assegnati secondo questa modalità telematica a quelle aziende i cui progetti hanno già superato la prima fase e che sono in possesso del codice identificativo di iscrizione loro già assegnato.
La prima fase del bando, che prevedeva l'inserimento on line delle domande si è svolta dal 21 gennaio all'8 aprile, ed ha registrato, a testimonianza dell'interesse delle imprese in materia di sicurezza, quasi 29mila richieste, di cui 4mila dal Veneto per un totale di 950 milioni per investimenti che superano complessivamente l'importo di 1,7 miliardi di euro. Il 74% dei progetti e' relativo alla ristrutturazione o modifica strutturale impiantistica degli ambienti di lavoro, il 10% all'inserimento di nuovi modelli di gestione della sicurezza e il 16% alla sostituzione o all'adeguamento di attrezzature di lavoro adottate prime del 21 settembre del 1996.
L'Inail nel 2010 aveva stanziato 60 milioni, divenuti 205 milioni nel 2011 (per 4.316 progetti di cui 326 veneti), 155 milioni nel 2012 ( per 3690 progetti di cui 247 veneti) e per il 2013 ben 307, innalzando la soglia di copertura dei costi dal 50 al 65% e da 100 a 130 mila euro l'importo finanziabile per singolo progetto.
A beneficiare degli stanziamenti sono state prevalentemente le microimprese: 54% nel bando 2012 in continuo aumento rispetto ai bandi del 2011 in cui rappresentavano il 51% e del 2010 in cui si attestavano al 45%.
Il 72% delle attività che hanno ottenuto l’ammissibilità al finanziamento appartengono in maniera preponderante ai settori delle costruzioni, della metalmeccanica, dell’agricoltura e del commercio all’ingrosso.
Ċ
Giorgio Gagliardi,
10 giu 2014, 02:31