2010

  • Nasce Rete Imprese Italia, costituita da Confartigianato, Cna, Casartigiani, Confcommercio, Confesercenti. Tappa storica per semplificare e potenziare la rappresentanza delle piccole e medie imprese italiane
  • Marchio Made in Italy: Chi l’ha visto? Campagna stampa di Confartigianato per denunciare la “scomparsa” della legge che tutela la moda italiana

2009

  • Firmato Avviso comune per la “moratoria” dei crediti alle imprese: un primo successo, in attesa di ulteriori strumenti
  • Operativo il nuovo modello contrattuale nell’artigianato. Al via federalismo contrattuale e welfare a misura di artigiani e piccole imprese

2008

  • Nasce la Scuola di Sistema di Confartigianato: struttura nazionale che forma il gruppo dirigente, i manager e gli operatori di Confartigianato, vero e proprio fiore all'occhiello del nostro sistema

2007

  • Papa Benedetto XVI incontra agli imprenditori artigiani di Confartigianato. Partecipano all’Udienza circa 8.000 persone giunte da tutta Italia con le loro famiglie
  • Il Parlamento approva definitivamente la norma che depotenzia gli indicatori di normalità

2006

  • Convention dei Servizi (prima edizione, cadenza annuale). Si apre il cantiere per ‘fare rete’, condividere le esperienze, innovare l’offerta dei servizi associativi.
  • In tutta Italia inizia la mobilitazione di Confartigianato contro la legge Finanziaria 2007
  • Confartigianato organizza insieme alle principali Confederazioni dell'artigianato e del commercio, l'Assise degli Stati Generali: le cinque associazioni di artigiani e dei commercianti lanciano il “Patto del Capranica” contro la retroattività degli studi di settore voluta dal governo Prodi, con la volontà di realizzare un coordinamento politico più forte, senza arrivare però all'unificazione
  • Confartigianato ha costretto il Governo ed il Parlamento a correggere il tiro della manovra economica inizialmente molto sbilanciata a sfavore del lavoro autonomo e della piccola impresa
  • Un’attività di lobbying costruita ed attuata giorno dopo giorno e che ha impegnato il Sistema Confartigianato per mesi, con manifestazioni di piazza, confronti serrati con i rappresentanti del Parlamento e del Governo, campagne stampa realizzate in tutta Italia: momento eclatante della lunga battaglia la manifestazione nazionale organizzata da Confartigianato “FINANZIARIA 2007. COSÌ NON VA”, a Milano, che vede la partecipazione di oltre 15.000 imprenditori artigiani
  • Ottenuti significativi ripensamenti da parte del Governo: sul fronte fiscale, innanzitutto, il Protocollo firmato con il Vice Ministro alle Finanze Visco e il Ministro dello Sviluppo Economico Bersani scongiura il pericolo di trasformare gli studi di settore in un punitivo ed automatico strumento di prelievo nei confronti della nostra categoria; la Confederazione è anche riuscita ad attenuare l’impatto di un’altra misura iniqua prevista nella stesura iniziale della Finanziaria, riguardante l’introduzione dei contributi previdenziali per gli apprendisti
  • Esclusione delle PMI con meno di 50 addetti dall’obbligo di trasferire il TFR all’apposito Fondo istituito presso l’Inps
  • La Finanziaria 2007 segna anche il raggiungimento di un primo traguardo nella battaglia che Confartigianato sta conducendo dallo scorso anno per ottenere la riduzione dei premi INAIL: nella manovra economica si prevede, per la sola Gestione dell’artigianato, una riduzione dei premi nella misura di 100 milioni di euro nel 2007 ed un’analoga riduzione, fermo restando l’avanzo della Gestione artigianato, che vale 300 milioni di euro nel 2008 e nel 2009

2005

  • Conferenza organizzativa delle categorie (prima edizione, cadenza annuale). Si avvia il percorso di riorganizzazione delle categorie all’insegna dell’orientamento al mercato e della qualità

2004

  • Abolito l’obbligo di pagamento del canone Rai per i riparatori tv; grazie all’iniziativa di Confartigianato, gli artigiani stanno ricevendo i rimborsi per le somme pagate nel 2002 e 2003 
  • Proroga al 1° gennaio 2005 della cessazione dei trasferimenti alle Regioni delle risorse per gli incentivi alle imprese
  • Proroga al 30 aprile 2004 della validità delle attestazioni rese dagli organismi di attestazione (SOA) relativamente ai requisiti previsti per i soggetti esecutori dei lavori pubblici. Tale proroga è giustificata dalla necessità di consentire la prosecuzione dell’attività delle imprese che eseguono lavori pubblici, in considerazione dell’esistenza di verifiche arretrate
  • Proroga dell’aliquota IVA al 10% per le ristrutturazioni edilizie fino a tutto il 2005 e il ripristino della detrazione fiscale al 36%
  • Le Confederazioni artigiane e i Sindacati siglano l’Accordo Interconfederale per la riforma del sistema contrattuale nell’artigianato. Al via il federalismo contrattuale. L’Accordo viene formalizzato a Roma, il 17 marzo, presso la sede del CNEL
  • Approvato il decreto legge “per l'accelerazione e la definizione dei procedimenti di ristrutturazione economica e finanziaria delle grandi imprese in crisi”. Il provvedimento rappresenta una 'boccata d'ossigeno' per le imprese di autotrasporto della filiera distributiva legata a Parmalat che hanno subito danni per oltre 80 milioni di euro
  • Organizzazioni imprenditoriali e Sindacati (in totale 24 sigle tra le quali Confartigianato) firmano l’intesa che recepisce l’accordo quadro europeo sul telelavoro
  • L’Autorità per l’energia elettrica e il gas ha stabilito che tutti i clienti non domestici possono acquistare l’elettricità sul mercato libero
  • Approvata la riforma del settore energia. Confartigianato apprezza le disposizioni in materia di post-contatore, che impediscono alle aziende operanti nei settori dell’energia elettrica e del gas concessionarie di servizi pubblici di operare nel segmento di mercato tipico dell’attività degli installatori di impianti, relativo cioè ai servizi di manutenzione post contatore. Il mantenimento del divieto rappresenta una decisione dettata dal buonsenso a conferma di una norma fondamentale a tutela del futuro delle 100.000 imprese del settore dell’installazione
  • Al via i finanziamenti per la cassa integrazione a artigiani e piccole imprese in crisi. Il Governo vara il decreto legge per l'adozione di misure per gli ammortizzatori sociali a favore delle aziende in crisi
  • Le Confederazioni dell’artigianato e delle piccole imprese non firmano il documento sul Mezzogiorno; Confartigianato, insieme con Cna e Casartigiani, hanno ritenuto di non firmare il documento proposto il 2 novembre al confronto delle parti sociali da Confindustria sul Mezzogiorno. Si ritiene necessaria un’accurata selezione delle priorità d’intervento per costruire una nuova politica di sviluppo delle Regioni meridionali. Altrettanto indispensabile trovare un equilibrio tra la fase propositiva e la necessità di un’interlocuzione politica, a livello nazionale, regionale e locale, che è parte integrante della concertazione: occorre percorrere la strada del lavorare su ipotesi di concertazione per poi arrivare ad una sintesi condivisa ed efficacemente praticabile
  • Approvata dalla X Commissione Industria del Senato, riunita in sede deliberante la Disciplina dell'attività professionale di acconciatore; il testo passa alla Camera per l'approvazione definitiva
  • Siglato Protocollo d’intesa tra Governo e autotrasportatori: Confartigianato Trasporti e le altre Organizzazioni dell’autotrasporto merci (con l’eccezione di Fita Cna) hanno siglato con il Governo un Protocollo d’intesa; tra i punti principali dell’intesa si segnala il mantenimento delle misure di sostegno al settore in materia di costi di esercizio
  • Importantissime misure contenute nella Legge Finanziaria 2005 che riguardano: il rifinanziamento di Artigiancassa per 70 milioni di euro nel triennio 2005-2007, l’eliminazione degli automatismi di aggiornamento degli studi di settore, l’aumento a 8.000 euro della franchigia Irap per le aziende con volumi d’affari fino a 180.000 euro

2003

  • Il Governo vara la riforma del diritto societario nella quale vengono recepite molte proposte di Confartigianato per innovare l’organizzazione societaria delle piccole imprese e rilanciarne la competitività. Il nuovo modello di Srl indicato nella riforma risponde alle esigenze di flessibilità delle società artigiane e di piccola dimensione
  • Confartigianato invita formalmente i Presidenti delle altre Organizzazioni imprenditoriali a costituire un Comitato per respingere il referendum sull’art. 18 dello Statuto dei lavoratori
  • Transiti attraverso l’Austria: l’Europarlamento recepisce la proposta presentata da Confartigianato Trasporti
  • La capacità di denuncia di Confartigianato contribuisce a sbloccare due decisioni dalle conseguenze importanti per gli artigiani e le piccole imprese. La prima riguarda l’avvio della liberalizzazione del mercato dell’energia elettrica. La seconda si riferisce alla scadenza per consegnare il MUD (Modello Unico di dichiarazione ambientale obbligatorio per dichiarare la produzione e lo smaltimento di rifiuti)
  • Confartigianato indica alla Commissione Lavoro del Senato le quattro priorità per la riforma del sistema previdenziale: è’ indispensabile far decollare la previdenza complementare con adeguate forme di incentivazione e valorizzando il carattere federale del ‘secondo pilastro’ pensionistico; deve essere riequilibrata la spesa per le pensioni e per gli ammortizzatori sociali, separando nettamente previdenza e assistenza”
  • Tutti d’accordo - Governo, imprenditori, sindacati - sulla necessità di modificare il decreto legislativo 626/94 sulla sicurezza del lavoro
  • Inizia la campagna referendaria promossa dal Comitato per il 'no' al referendum sull'articolo 18
  • Un numero sempre maggiore di immigrati tenta la strada imprenditoriale per integrarsi nel nostro Paese, per trovare un’opportunità di emancipazione e di riscatto sociale. Confartigianato intende diventare l’organizzazione di rappresentanza degli imprenditori immigrati che accettano le regole del sistema italiano. Indagine svolta dall’Ufficio studi di Confartigianato su un campione rappresentativo di immigrati titolari di imprese artigiane in Italia. La ricerca è stata presentata al Convegno “Imprenditori immigrati: una realtà in crescita” organizzato da Confartigianato a Treviso
  • Solo un italiano su quattro ha votato per il referendum sull’Art. 18 : prevale il buon senso; la stragrande maggioranza degli elettori ha compreso che la gestione del mercato del lavoro non si può affrontare a colpi di referendum. Ora, però, occorre risolvere i veri problemi della piccola impresa e affrontare efficacemente i nodi irrisolti
  • Il Governo proroga al 1° gennaio 2004 il termine di entrata in vigore di una parte del Testo Unico dell'edilizia riguardante l'installazione di impianti, recependo così le sollecitazioni di Confartigianato dettate dalla necessità di discutere il riordino della legislazione sulla sicurezza degli impianti con il contributo effettivo degli installatori
  • Via libera definitivo alla riforma del mercato del lavoro
  • Prima legge quadro per l'autonoleggio. Un provvedimento storico, anche se migliorabile. Si apre finalmente una prospettiva nuova per l'attività di autonoleggiatore
  • Confartigianato denuncia il rischio-paralisi per lo smaltimento dei rifiuti. Infatti, tutte le Sezioni regionali dell’Albo Nazionale Smaltitori Rifiuti - tranne che in Sardegna e in Calabria - non possono operare poiché, da alcuni mesi, è scaduto il mandato dei loro componenti. Di conseguenza, non può essere autorizzata la normale attività delle circa 15.000 imprese che effettuano le operazioni di smaltimento. Pochi giorni dopo la denuncia di Confartigianato, vengono emanati i decreti di rinnovo dei componenti delle Sezioni regionali dell’Albo Smaltitori
  • Enti bilaterali dell’artigianato esempio di dialogo sociale per la nuova Europa: così si esprime il Sottosegretario al Welfare Maurizio Sacconi, intervenuto alla Conferenza europea sull'allargamento e le relazioni industriali
  • Collaborazioni dei familiari: una battaglia di giustizia. Approvata dal Senato la norma sollecitata da Confartigianato e contenuta nell'emendamento al Decreto che accompagna la Finanziaria

2002

  • Confartigianato vince la battaglia per salvare dal rischio di estinzione le 21.400 imprese artigiane, con 65.000 addetti, della lavorazione del ferro battuto, ottenendo dal Governo che l’uso del carbone e del coke metallurgico sia consentito negli impianti di lavorazione del ferro forgiato a mano
  • INAIL: dal 2003 saranno attivate le polizze flessibili. Prende forma una battaglia vinta da Confartigianato.
  • Grazie agli interventi di Confartigianato, le cooperative di garanzia fidi vengono escluse dalla tassazione prevista con il decreto frena-deficit varato dal Governo
  • Il Ministro per la Funzione Pubblica Frattini e il Presidente di Confartigianato Petracchi firmano il patto anti-burocrazia: protocollo d’intesa per migliorare efficienza e qualità della Pubblica Amministrazione, ridurre i costi e gli adempimenti burocratici
  • Le Confederazioni artigiane e i SINDACATI presentano un’intesa su ammortizzatori sociali, modello contrattuale, previdenza integrativa che riafferma il loro ruolo centrale nelle politiche del lavoro e nel sistema di tutele
  • Dopo dieci mesi di trattative, Governo e Parti sociali (con l’esclusione della Cgil) firmano il PATTO PER L’ITALIA sui temi del lavoro, del fisco, degli ammortizzatori sociali e del Mezzogiorno
  • Nel Disegno di legge per la riforma del settore energetico, è infatti prevista, dal 1° gennaio 2003, la riduzione a 50.000 kWh di consumo annuo della soglia d’accesso al mercato libero dell’energia elettrica. Ciò permetterà ad 1 milione di imprese italiane di entrare nel mercato libero dell’energia
  • Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto legislativo che attua la Direttiva 2000/35/CE contro i RITARDI DI PAGAMENTO nelle transazioni commerciali
  • Nella Legge Finanziaria 2003 significativo risultato per la lunga battaglia condotta da Confartigianato: viene abolito il divieto di cumulo tra redditi da lavoro e pensione per coloro che lasciano il lavoro con un minimo di 37 anni di contributi e 58 di età

2001

  • Confartigianato ottiene la certificazione del ‘Sistema Qualità’: è la prima Organizzazione imprenditoriale italiana a conseguire l’attestazione di qualità, un riconoscimento che si riferisce a standard di rappresentanza adeguati all'evoluzione degli interessi e delle esigenze di sviluppo del ‘Sistema Confartigianato’ e delle piccole imprese
  • La Camera approva definitivamente il ‘Collegato Mercati’: la Srl artigiana è legge. Ecco le ‘rivoluzioni’ del ‘Collegato’:
  • Possibilità per gli artigiani di costituire Società a responsabilità limitata;
  • Abbassamento della soglia di consumo per accedere al mercato libero dell’energia elettrica;
  • Superate le barriere d’accesso agli incentivi per potenziare gli investimenti e l’attività di internazionalizzazione, grazie alla semplificazione dell’utilizzo dei contributi della legge 488 e delle risorse per l’export;
  • Rafforzamento del controllo e delle sanzioni dell’Antitrust e della magistratura contro l’abuso di dipendenza economica e contro i comportamenti scorretti di imprese che sfruttano i vantaggi di condizioni monopolistiche
  • Varata la legge di riforma dei Patronati
  • Il Consiglio dei Ministri vara il nuovo elenco dei mestieri artistici e tradizionali. Il provvedimento riconosce l’importanza economica e culturale del nostro patrimonio artistico e tradizionale e che offre nuove e maggiori opportunità di sviluppo occupazionale ad almeno 5.000 imprese
  • Il Consiglio dei Ministri approva il decreto legislativo concernente l’attuazione della direttiva 1999/79/CE relativa all'accordo quadro sul lavoro a tempo determinato

2000

  • Il Governo vara la riforma dell'Inail. Il provvedimento comporta una riduzione del 5% dei premi e si traduce in un calo dello 0,5% del costo del lavoro
  • Approvata la Direttiva europea contro i ritardi di pagamento. Fissato a 30 giorni il termine per regolare i pagamenti
  • La riforma del sistema fieristico è legge. Dopo un lungo iter parlamentare iniziato il 27 gennaio 1997, il 20 dicembre il Parlamento approva definitivamente la “Legge quadro sul settore fieristico”, provvedimento ispirato da Confartigianato e che mette ordine nel sistema fieristico