InfoServizi‎ > ‎Contratti e Lavoro‎ > ‎

- Contratti a tempo determinato

Con i nuovi rinnovi regionali dei settori Edilizia artigiani e PMI; Area Meccanica artigiani; Settore Moda artigiani;  Chimica, gomma, plastica, vetro artigiani ed Alimentaristi e panificatori,  Confartigianato ha liberato da limiti numerici massimi le assunzioni con contratti a termine per le aziende associate, versanti Edilcassa o Ebav e Saninveneto.

Le assunzioni a tempo determinato sono ora possibili nel numero massimo neccessario ad evadere i picchi di lavoro semplicemente previa richiesta alle Commissioni Paritetiche o Edilcassa tramite Confartigianato Imprese Marca Trevigiana. L'impegno dell'Associazione è quello di negoziarlo e normarlo anche in ogni altro settore nelle trattattive dei rinnovi che si susseguiranno nel 2017.

Le ditte che assumono a termine oltre i limiti senza i nulla osta delle commissioni paritetiche sono sanzionabili (da Inps, Ministero del Lavoro,ecc.) per ogni mese in violazione con un multa da un minimo del 20% ad un massimo del 50% della retribuzione dei terministi illegittimi (articolo 23 comma 4 Dlgs 81/15). 

Inoltre violare i limiti massimi sui contratti a termine comporta per i datori di lavoro : 

- la perdita dei benefici contributivi su altri lavoratori assunti in parallelo nei medesimi mesi di sforamento, per esempio con incentivo biennale, triennale, mobilità, Garanzia Giovani, eccetera; 

- la ripetizione con sanzioni dello sconto artigiani Inail generalizzato o quello specifico aggiuntivo per un dato settore come quello dell’Edilizia o l'OT24 o l'OT20, in sede di autoliquidazione le imprese promettono infatti la corretta ed integrale applicazione dei contratti collettivi,rispetto dei limiti massimi di contratti a termine compresi;  

         - il rischio di un contenzioso con il dipendente assunto fuori dai limiti.




Ċ
Stefano Garibbo,
13 mar 2017, 03:58
Ċ
Stefano Garibbo,
14 mar 2017, 09:12
Ċ
Stefano Garibbo,
29 ago 2017, 02:48
Ċ
Stefano Garibbo,
17 nov 2017, 02:38
Comments