Notizie recenti bandi e finanziamenti

Bando di concorso per la concessione di contributi alle PMI a sostegno di investimenti innovativi

pubblicato 05 apr 2016, 23:49 da Filippo Fiori

La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Treviso ha indetto un Concorso con lo scopo di supportare gli investimenti innovativi attivati mediante l'acquisto di beni strumentali d'impresa purché tecnologicamente avanzati e, quindi, in grado di aumentare il livello di efficienza o di flessibilità delle attività dell'impresa, valutabile in termini di riduzione dei costi, aumento del livello qualitativo dei prodotti o dei processi o della capacità produttiva o dei servizi, introduzione di nuovi prodotti e/o servizi.

Le agevolazioni previste dal Bando consistono in contributi in conto capitale concessi in conformità ai sensi del Regolamento (UE) n. 1407/2013 (aiuti "de minimis") e, per le imprese operanti nel settore della produzione primaria di prodotti agricoli, al Regolamento (UE) n. 702/2014.

Dotazione finanziaria e linee di intervento

Il Bando è dotato di un fondo complessivo di € 500.000,00 e prevede l'erogazione di contributi a fondo perduto a copertura delle spese per l'acquisto di:
  • macchinari, impianti e attrezzature ad uso produttivo;
  • hardware, software e tecnologie digitali strettamente correlati all'esercizio dell'attività di produzione dei beni e servizi d'impresa.
Sono ammissibili i relativi costi di installazione, montaggio e allacciamento, qualora evidenziati a parte e entro il limite massimo del 10% delle spese per gli acquisti sopra indicati.

Ammontare del contributo


Il contributo massimo concedibile a ciascuna impresa sarà pari al 40% (50% per aziende in possesso del rating di legalità) della spesa effettivamente ammissibile, al netto di IVA e di altre imposte e tasse, fino ad un massimo di € 15.000,00 (€ 18.000,00 per aziende in possesso del rating di legalità).
Non saranno prese in considerazione domande di contributo presentate per spese ammissibili complessive di importo inferiore a € 6.000,00.

Sono ammissibili le spese sostenute a partire dal giorno successivo a quello di presentazione della domanda di partecipazione e fino al 17/02/2017, e comunque entro la data di presentazione della domanda di erogazione del contributo, direttamente riguardanti il progetto presentato, al netto di IVA.

Presentazione delle domande

Le domande di partecipazione, da redigersi utilizzando l'apposita modulistica, devono essere inoltrate dall'11 al 22 aprile 2016 esclusivamente in modalità telematica con firma digitale, collegandosi all'indirizzo http://webtelemaco.infocamere.it, sezione "Servizi e-gov", all'interno delle specifico sportello on line "Contributi alle imprese", il quale - per la predisposizione della pratica telematica - sarà attivo dalla seconda metà del mese di marzo 2016.
La presentazione delle domande non può essere delegata ad intermediari.

Valutazione delle domande e ammissione al contributo

Le domande saranno esaminate dalla Camera di Commercio con l'apporto di una Commissione tecnica, al fine di valutarne l'ammissibilità sia rispetto ai requisiti soggettivi e amministrativi previsti dal Bando, sia rispetto ai contenuti dei progetti proposti. La valutazione delle domande e l'ammissione a contributo avverrà con l'assegnazione di un punteggio a ciascun progetto, in base a criteri predefiniti, oltre che in relazione al giorno di presentazione di ogni singola domanda.

Bando, modulistica e documentazione ufficiale sono disponibili qui.

Per informazioni è a disposizione il dott. Filippo Fiori (0422433300 o filippo.fiori@confartigianatomarcatrevigiana.it).

DISEGNI+3

pubblicato 03 feb 2016, 07:15 da Filippo Fiori

Il Bando DISEGNI+3 mira a sostenere la capacità innovativa e competitiva delle PMI attraverso la valorizzazione e lo sfruttamento economico dei disegni/modelli sui mercati nazionale e internazionale.

Destinatari

Destinatari sono le micro, piccole e medie imprese, con sede legale e operativa in Italia, che intendono realizzare un progetto finalizzato alla valorizzazione di un disegno/modello, singolo o multiplo che - alla data di presentazione della domanda di agevolazione - sia registrato e di cui l'impresa richiedente l'agevolazione sia titolare o in possesso di un accordo di licenza con un soggetto, anche estero, che ne detiene la titolarità.

Risorse disponibili ed intensità d'aiuto

Le risorse disponibili ammontano complessivamente a euro 4.700.000,00.
Le agevolazioni sono concesse nella forma di contributo in conto capitale per la realizzazione del progetto, in misura massima pari all'80% delle spese ammissibili e comunque nei limiti degli importi indicati in relazione alle diverse fasi progettuali attivate.

Le imprese interessate possono presentare più richieste di agevolazione aventi ad oggetto - ognuna di esse - un diverso disegno/modello registrato (singolo o multiplo) fino al raggiungimento dell’importo massimo, per impresa, di euro 120.000,00.

Spese ammissibili

Sono ammissibili le spese per l'acquisizione dei servizi specialistici esterni - funzionali al progetto - sostenute successivamente alla data di registrazione del disegno/modello e in ogni caso non antecedenti alla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana (GURI) del comunicato relativo al presente Bando (3 dicembre 2015).

Il progetto può prevedere alternativamente due fasi o entrambe:

Fase 1 - Produzione: destinata all'acquisizione di servizi specialistici esterni volti alla valorizzazione di un disegno/modello per la messa in produzione di nuovi prodotti a esso correlati.
Sono ammissibili le spese sostenute per l'acquisizione dei seguenti servizi:
  • ricerca sull'utilizzo dei nuovi materiali
  • realizzazione di prototipi e stampi
  • consulenza tecnica relativa alla catena produttiva
  • consulenza legale relativa alla catena produttiva
  • consulenza specializzata nell'approccio al mercato (strategia, marketing, vendita, comunicazione)
L’importo massimo dell’agevolazione, per la Fase 1, è pari a euro 65.000,00.

Fase 2 - Commercializzazione: destinata all'acquisizione di servizi specialistici esterni volti alla valorizzazione di un disegno/modello per la commercializzazione del titolo di proprietà industriale.
Sono ammissibili le spese sostenute per l'acquisizione dei seguenti servizi:
  • consulenza specializzata nella valutazione tecnico-economica del disegno/modello e per l'analisi di mercato, ai fini della cessione o della licenza del titolo di proprietà industriale
  • consulenza legale per la stesura di accordi di cessione della titolarità o della licenza del titolo di proprietà industriale
  • consulenza legale per la stesura di eventuali accordi di segretezza
L’importo massimo dell’agevolazione, per la Fase 2, è di euro 15.000,00.

Modalità di presentazione della domanda


Per accedere all'agevolazione è necessario compilare il form on line (che sarà disponibile sul sito www.disegnipiu3.it dal 2 marzo 2016 e fino ad esaurimento fondi) ed inviare la domanda entro 5 giorni dalla data del protocollo assegnato mediante compilazione del form on line, esclusivamente tramite Posta Elettronica Certificata (PEC) al seguente indirizzo: disegnipiu3@legalmail.it.

Tutte le informazioni e la documentazione ufficiale relative al bando sono disponibili qui.

Nuove imprese a tasso zero

pubblicato 19 nov 2015, 09:04 da Filippo Fiori   [ aggiornato in data 01 feb 2016, 05:59 ]

ATTENZIONE: POICHÉ LE RISORSE FINANZIARIE ASSEGNATE NON SONO SUFFICIENTI A COPRIRE IL FABBISOGNO POTENZIALE DELLE DOMANDE PRESENTATE, DAL 26/01 INVITALIA HA SOSPESO L’ATTIVITÀ DI VALUTAZIONE DELLE RICHIESTE RISULTATE POTENZIALMENTE ECCEDENTI

'Nuove imprese a tasso zero' è l’incentivo per i giovani e le donne che vogliono avviare una micro o piccola impresa.

Le agevolazioni rappresentano la versione "rinnovata" della misura Autoimprenditorialità (decreto legislativo 185/2000, Titolo I), modificata e aggiornata dal Ministero dello Sviluppo Economico con la Circolare del 9 ottobre 2015.

Lo stanziamento iniziale è di 50 milioni di euro.

Il soggetto cui presentare domanda, a partire dal 13 gennaio 2016, è Invitalia, l'Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa, di proprietà del Ministero dell'Economia.

A chi è rivolto

Gli incentivi sono rivolti alle imprese composte in prevalenza da giovani tra i 18 e i 35 anni o da donne. Le imprese devono essere costituite in forma di società da non più di 12 mesi rispetto alla data di presentazione della domanda. Anche le persone fisiche possono richiedere i finanziamenti, a condizione che costituiscano la società entro 45 giorni dall’eventuale ammissione alle agevolazioni.

Gli incentivi

Gli incentivi sono validi in tutta Italia e finanziano progetti d’impresa con spese fino a 1,5 milioni di euro. Le agevolazioni sono concesse nei limiti del regolamento de minimis e consistono in un finanziamento agevolato senza interessi (tasso zero) della durata massima di 8 anni, che può coprire fino al 75% delle spese totali. Le imprese devono garantire la restante copertura finanziaria e realizzare gli investimenti entro 24 mesi dalla firma del contratto di finanziamento.

Cosa si può fare

Sono finanziabili le iniziative per:

  • produzione di beni nei settori industria, artigianato e trasformazione dei prodotti agricoli
  • fornitura di servizi alle imprese e alle persone
  • commercio di beni e servizi
  • turismo

Possono essere ammessi anche i progetti nei seguenti settori, considerati di particolare rilevanza per lo sviluppo dell’imprenditoria giovanile:

  • filiera turistico-culturale, intesa come attività per la valorizzazione e la fruizione del patrimonio culturale, ambientale e paesaggistico, nonché per il miglioramento dei servizi di ricettività e accoglienza
  • innovazione sociale, intesa come produzione di beni e fornitura di servizi che creano nuove relazioni sociali o soddisfano nuovi bisogni sociali
Presentazione e valutazione delle domande

La domanda può essere inviata dal 13 gennaio 2016 esclusivamente online, attraverso la piattaforma informatica di Invitalia. Le modalità di presentazione, i dettagli sugli incentivi e i criteri di valutazione sono descritti nella Circolare del Ministero dello Sviluppo Economico del 9 ottobre 2015. Con successiva Circolare del 28 ottobre 2015, il Ministero ha introdotto una rettifica sulle immobilizzazioni materiali e immateriali.

Evidenziamo che la misura non prevede la costituzione di graduatorie, né click-day. Le domande vengono infatti esaminate in base all’ordine cronologico di presentazione.

Dopo la verifica formale, è prevista una valutazione di merito che comprende anche un colloquio con gli esperti di Invitalia, che, una volta concesso il finanziamento, dovranno monitorare l'effettiva realizzazione dei progetti d’impresa.

In allegato il dettaglio delle spese ammissibili.

Clicca qui per accedere alla pagina web ufficiale del bando.

Per ulteriori informazioni, è a disposizione il funzionario Filippo Fiori al numero 0433 433300 o filippo.fiori@confartigianatomarcatrevigiana.it.


VOUCHER PER L'INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PMI

pubblicato 01 set 2015, 09:19 da Filippo Fiori   [ aggiornato in data 01 set 2015, 09:27 ]

Il MiSE sostiene le PMI che intendono avvalersi di temporary export manager (TEM) per studiare, progettare e gestire i processi e i programmi sui mercati esteri, attraverso un contributo a fondo perduto concesso sotto forma di voucher.

Si tratta di un sostegno economico del valore di 10.000 euro, erogato a fronte dell’inserimento in azienda di un temporary export manager per almeno sei mesi. Per avere accesso al voucher l’impresa deve intervenire con un cofinanziamento di almeno 3.000 euro. Pertanto, il costo complessivo sostenuto dall’impresa per il servizio deve essere pari almeno a 13.000 euro.

Beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese (PMI) costituite in forma di società di capitali, anche in forma cooperativa, e le Reti di imprese tra PMI, che abbiano conseguito un fatturato minimo di 500.000 euro in almeno uno degli esercizi dell’ultimo triennio. Tale vincolo non sussiste nel caso di Start-up iscritte nella sezione speciale del Registro delle imprese, di cui art. 25 comma 8 L.179/2012).

L’azienda deve rivolgersi ad una Società fornitrice dei servizi scegliendola tra quelle inserite nell’ apposito elenco istituito presso il Ministero, pubblicato il 1 settembre 2015, disponibile a questo indirizzo:

http://www.sviluppoeconomico.gov.it/images/stories/commercio_internazionale/voucher/elenco_fornitori.pdf


I soggetti beneficiari potranno presentare la domanda in via telematica il giorno 22 settembre dalle ore 10:00.
Già a partire dal 1 settembre è comunque possibile registrarsi sulla piattaforma informatica, al fine di ottenere le credenziali di accesso.
Successivamente, dal 15 settembre, sarà possibile iniziare a compilare la domanda on line.

Il Ministero procederà all’assegnazione dei Voucher secondo l’ordine cronologico di ricezione delle domande e nei limiti delle risorse disponibili, tenuto conto delle riserve e della sussistenza dei requisiti di ammissibilità.

Tutte le informazioni e la documentazione sono disponibili a questo indirizzo:

http://www.sviluppoeconomico.gov.it/index.php/it/commercio-internazionale/2033228-scheda-informativa-vaucher-internazionalizzazione

BANDO INNOVAZIONE E DIGITALIZZAZIONE CAMERA DI COMMERCIO DI TREVISO

pubblicato 31 lug 2015, 07:41 da Filippo Fiori   [ aggiornato in data 31 lug 2015, 07:58 ]

La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Treviso ha indetto un concorso per favorire lo sviluppo di progetti, prodotti, servizi, processi e modelli organizzativi innovativi nonché l'adozione di tecnologie e servizi digitali.

Il Bando è dotato di un fondo complessivo di € 1.000.000,00, così ripartito nelle seguenti Linee di intervento:

Linea 1: SVILUPPO DI PROGETTI, PRODOTTI, SERVIZI, PROCESSI E MODELLI ORGANIZZATIVI INNOVATIVI, dotazione finanziaria € 500.000,00;
Finalità: la misura intende favorire lo sviluppo di progetti, prodotti e servizi, nuovi o già esistenti, con caratteristiche di elevata innovatività e maggior valore aggiunto, l'implementazione di processi produttivi con connotazioni innovative rispetto a quelle esistenti, l'introduzione di nuovi modelli organizzativi, di gestione e di controllo dei processi aziendali o interaziendali.

Linea 2: TECNOLOGIE E SERVIZI DIGITALI INNOVATIVI, dotazione finanziaria € 500.000,00;
Finalità: la misura intende favorire lo sviluppo o l'adozione di tecnologie innovative e di servizi digitali avanzati per il miglioramento della competitività dell'impresa.

Chi può partecipare

Vi possono partecipare le microimprese, le piccole imprese e le medie imprese (in breve PMI) - così come definite nell'allegato I del Regolamento (CE) n. 800/2008 della Commissione del 6 agosto 2008, aventi sede legale e che svolgono l'attività imprenditoriale oggetto della richiesta di contributo nella provincia di Treviso, in regola con le iscrizioni alla Camera di Commercio di Treviso, con il pagamento del diritto annuale e con la comunicazione di inizio attività, attive alla data di pubblicazione del Bando.

Come partecipare

Le domande di partecipazione, da redigersi utilizzando l'apposita modulistica, devono essere spedite dal 12 al 23 ottobre 2015 esclusivamente in modalità telematica con firma digitale, collegandosi all'indirizzo https://webtelemaco.infocamere.it, sezione "Servizi e-gov", all'interno delle specifico sportello on line "Contributi alle imprese", il quale - per la predisposizione della pratica telematica - sarà attivo sin dai primi giorni di ottobre 2015.

Attività e spese ammissibili

Le attività progettuali possono essere avviate solo a partire dal 30/07/2015, data di pubblicazione del Bando nell'Albo camerale informatico della Camera di Commercio di Treviso.
Sono ammissibili le spese specificate in funzione di quanto previsto per ciascuna Linea di intervento, sostenute a partire dal giorno successivo alla presentazione della domanda e fino al termine fissato per la presentazione delle domande di erogazione del contributo.

Erogazione del contributo

Le domande di erogazione del contributo e le relative rendicontazioni finali dovranno essere presentate alla Camera di Commercio a partire dal 4 luglio 2016 ed entro il 16 luglio 2016.

Il Bando di Concorso, modulistica e ulteriori informazioni sono disponibili alla pagina:
http://www.tv.camcom.gov.it/CCIAA_bandi.asp?cod=1057

Per ogni informazione e approfondimento è a disposizione il dott. Filippo Fiori (0422433300 o filippo.fiori@confartigianatomarcatrevigiana.it).


REGIONE VENETO: PROROGATA AL 17 APRILE LA SCADENZA DEL BANDO DIGITAL ANGELS

pubblicato 07 apr 2015, 08:50 da Filippo Fiori

La Regione del Veneto ha prorogato la scadenza per le richieste di contributo da parte delle PMI venete nell’ambito del bando “Digital Angels”, destinato all’inserimento di laureandi in discipline relative al mondo del digitale nelle PMI venete (in attuazione del POR CRO FESR, periodo 2007-2013, Asse 4, Linea d’intervento 4.1 "Interventi di sviluppo e offerta di servizi e applicazioni per le PMI e gli Enti locali", Azione 4.1.3 "Interventi di aiuto alle PMI per l'accesso ai servizi telematici").

Il nuovo termine per l'invio delle domande è il 17/04/2015 alle ore 12:00.

Ricordiamo che il bando permette alle PMI con sede operativa in Veneto di richiedere alla Regione la concessione di un contributo economico di € 1.500 a titolo di rimborso degli importi corrisposti a un tirocinante inserito in azienda per uno stage di 3 mesi continuativi (minimo 100 ore totali), per attività che riguardano, a titolo esemplificativo e non esaustivo, l’apertura del sito internet aziendale, la gestione di contenuti e di pubblicità online, l’attivazione di canali social, le attività di marketing e di gestione della comunicazione aziendale, lo sviluppo di iniziative legate al commercio digitale, la progettazione e sviluppo di applicazioni finalizzate alla vendita di prodotti/servizi.

Il bando “Digital Angels” ha una dotazione di € 840.000 (a fondo perduto) per l’inserimento di 420 laureandi nelle PMI venete.

Per richiedere il contributo, le PMI interessate dovranno:
  • contattare una delle tre Università venete (Università Ca’ Foscari di Venezia, Università di Padova, Università di Verona) chiedendo di attivare uno stage con un laureando;
  • compilare e inviare a mezzo PEC, entro le 12:00 del 17/04/2015, alla Regione Veneto: progetto, dichiarazione aiuti ‘de minimis’, documento di identità del legale rappresentante e progetto formativo redatto con l’Università e lo studente scelto;
  • avviare lo stage entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione di ammissibilità da parte della Regione Venet;
  • concludere lo stage, sostenendo tutte le spese, ed inviare la relativa rendicontazione via PEC alla Regione Veneto entro il 30/09/2015.

La documentazione ufficiale e la modulistica relative al bando sono reperibili all'indirizzo web http://www.regione.veneto.it/web/bandi-avvisi-concorsi/dettaglio-bando?_spp_detailId=2825679

Per maggiori informazioni, è a disposizione il funzionario dott. Filippo Fiori (0422 433300 o filippo.fiori@confartigianatomarcatrevigiana.it).

PRIMO POST BANDI

pubblicato 03 lug 2014, 09:07 da Giorgio Gagliardi

Loren ipsum

1-7 of 7