InfoServizi‎ > ‎Ambiente‎ > ‎Raee‎ > ‎

NUOVE DISPOSIZIONI A PARTIRE DAL 15 AGOSTO 2018

pubblicato 12 lug 2018, 09:32 da Maurizio Ballan   [ aggiornato in data 12 lug 2018, 09:33 ]
Il D.Lgs. 49/2014 dal 15 agosto 2018 prevede l’estensione dell’ambito di applicazione delle norme che impongono ai produttori, agli importatori e a coloro che vendono con il proprio marchio apparecchiature elettriche ed elettroniche (AEE) di organizzare e finanziare il sistema di raccolta e recupero dei rifiuti (RAEE) che derivano dai prodotti immessi sul mercato.
L’ambito di applicazione includerà tutte le apparecchiature per le quali non sia prevista una specifica esclusione (open scope). Ciò avverrà perché l’elenco delle AEE che descrive le apparecchiature interessate è diverso da quello attualmente in vigore e quindi amplia il numero di aziende obbligate.
E’ prevista anche una diversa ripartizione delle categorie che passano da 10 a 6.
In particolare le categorie 4, 5 e 6, individuano nuovi tipi di AEE e fanno riferimento, rispettivamente:
 ad “apparecchiature di grandi dimensioni (con almeno una dimensione esterna superiore a 50 cm)”,
 ad “apparecchiature di piccole dimensioni (con nessuna dimensione esterna superiore a 50 cm)”
 ed a “piccole apparecchiature informatiche e per telecomunicazioni (con nessuna dimensione esterna superiore a 50 cm)”.
La conseguenza della nuova “categorizzazione” fa sì che una apparecchiatura, ora esclusa, dal 15 agosto 2018 rientrerà tra quelle per le quali deve essere instaurata una procedura per il suo recupero a fine vita.
Alcuni esempi di tipologie di apparecchiature elettriche ed elettroniche che dal 15 agosto 2018  saranno sottoposte alle disposizioni del Dlgs. 49/2014:
 Torrette cablate
 Multi presa, prolunghe e adattatori di corrente;
 Pompe elettriche;
 Scaricatori di tensione
 Biciclette elettriche;
 Montascale;
 Led;
 Lampade fluorescenti;
 Navigatori satellitari GPS;
 Router;
 Contatori del gas elettronici;
 Inverter;
 Altri trasformatori e alimentatori;
 Gruppi di continuità UPS
L’attenta analisi del nuovo elenco è essenziale i produttori/importatori e i distributori di AEE hanno specifici obblighi.
Segnaliamo comunque che gli obblighi e le modalità di organizzazione della gestione dei RAEE sono comunque quelli attualmente in vigore e non subiranno variazioni con il 15 agosto 2018.
Per le stufe a pellet stiamo attendendo chiarimenti dal ministero