InfoServizi‎ > ‎Sicurezza‎ > ‎Notizie sicurezza‎ > ‎

NOVITÀ IN MATERIA DI VERIFICHE IMPIANTI

pubblicato 3 feb 2020, 03:44 da Edi Barbazza   [ aggiornato in data 3 feb 2020, 03:46 ]
Le aziende di qualunque settore produttivo che abbiano al loro interno almeno un lavoratore (socio operante, apprendista, stagista etc) sono tenute a sottoporre a regolare manutenzione e verifica periodica gli impianti di messa a terra, di protezione contro le scariche atmosferiche e gli impianti in ambienti a rischio esplosione (DPR 462/01). 
La periodicità dei controlli (due o cinque anni) dipende dal tipo di impianto: a titolo esemplificativo e non esaustivo, ogni due anni nei cantieri e nei luoghi a maggior rischio d’incendio, ogni cinque anni negli altri casi.
Le imprese per effettuare le suddette verifiche devono rivolgersi a ASL, ARPAV o Organismi abilitati dal Ministero dello sviluppo economico.

Il Decreto Mille proroghe, dello scorso 31 dicembre 2019, ha introdotto l’obbligo per i Datori di Lavoro di trasmettere il nominativo dell'organismo incaricato di eseguire i controlli, attraverso l’invio di una comunicazione per il tramite del sistema informatico CIVA dell'INAIL, lo stesso già utilizzato per la denuncia delle attrezzature di lavoro (Sollevamento Cose, Sollevamento Persone e GVR).
Si segnala che è stato istituito un tariffario unico, uguale per tutti gli Organismi di verifica, basato sulle “classi di potenza installata” per l’impianto di terra e sul tempo dedicato per la verifica in caso di impianto ATEX e scariche atmosferiche. 

Nei primi mesi di avvio della nuova procedura l’utenza dovrà effettuare tale comunicazione via PEC alle Unità Operative INAIL territorialmente competenti, poiché non è ancora attivo il servizio  all’interno dell’applicativo CIVA.

Le disposizioni di cui sopra, che hanno già valore di legge, potrebbero subire modifiche nella fase di conversione in legge, che dovrà avvenire entro il 29 febbraio prossimo. Nel caso seguiranno puntuali e tempestive comunicazioni.

Rimangono a disposizione per ogni chiarimento gli uffici sicurezza delle associazioni mandamentali
Comments