CATEGORIE E MERCATO‎ > ‎Gruppi di Mestiere‎ > ‎Casa‎ > ‎Edilizia‎ > ‎

Blog progetto Edilizia


SEMINARIO FIBRA OTTICA

pubblicato 7 giu 2019, 01:33 da Edi Barbazza

Le realtà produttive dei settori elettrico ed elettronico che sempre più sono chiamati ad operare in un mercato in continua evoluzione, necessitano di un costante aggiornamento delle loro competenze.

Confartigianato Imprese Marca Trevigiana nella consapevolezza che l'aggiornamento e la formazione sono elementi di garanzia per un vantaggio competitivo, organizza per GIOVEDI' 20 GIUGNO il seminario "IMPIANTI E FIBRA OTTICA. QUALI CONOSCENZE E QUALE STRUMENTAZIONE  DEVE SAPER USARE L'INSTALLATORE DI OGGI ".

A partire dalle ore 14.30, presso la sede dell'Associazione, in piazza delle Istituzioni 34/a- Treviso,  qualificati esperti relazioneranno su aspetti normativi e tecnici relativi alle materie.

Per partecipare all'appuntamento è obbligatoria la registrazione entro martedì 18 giugno, compilando il modulo online. 


LE TRE REGOLE DELLA CASA A BASSO COSTO

pubblicato 11 giu 2014, 02:11 da Giorgio Gagliardi   [ aggiornato il 1 apr 2016, 09:35 da Maurizio Ballan ]

1) L’acquisto del terreno deve essere fatto dal beneficiario finale che deve dimostrare di possedere i requisiti di status sociale previsti dal progetto.

2) Le imprese costruttrici, gli installatori e i progettisti devono mantenere invariati i prezzi stabiliti nell’accordo quadro con Comune e Confartigianato, quando il beneficiario del terreno, che il Comune ha messo a disposizione a prezzo calmierato, si presenterà per far partire l’intervento

3) Sono previste forme di controllo incrociato pubblico-privato sulla correttezza delle procedure.

PROGETTO EDILIZIA: UN PERCORSO COSTRUITO SU SOLIDE FONDAMENTA

pubblicato 12 mag 2014, 07:39 da System Admin   [ aggiornato il 1 apr 2016, 09:27 da Maurizio Ballan ]

L’edilizia abitativa è quasi scomparsa dalla provincia di Treviso e allora Confartigianato propone una casa a mille euro al metro quadrato. Di fronte alla crisi profonda del settore, l’Associazione provinciale ha così lanciato il progetto “Edilizia a basso costo ed alta qualità”. Obiettivo: creare una domanda di edilizia abitativa per i ceti medi-medio bassi di età compresa tra i 25 e i 45 anni. Cioè proprio quei ceti sociali i cui redditi non possono far fronte all’indebitamento necessario all’acquisto e per questo rinunciano a “farsi la casa”. 
Per invertire questa tendenza negativa, Confartigianato ha varato un progetto che parte dall’offerta basata su criteri diversi rispetto all’evolversi del mercato dell’ultimo decennio.
Nel fare questo, i vari Presidenti di Categoria del settore Edilizia hanno individuato delle aree di possibile economia sia nella gestione del cantiere, sia nella collaborazione “on time” dei fornitori. Ma il progetto va oltre. È stato infatti creato un prototipo replicabile delle componenti costruttive e impiantistiche, individuando le aree a basso costo presso gli enti locali e attivando canali privilegiati per mutui “preconfezionati” con gli istituti finanziari, per dare forza alla domanda da parte di giovani e giovani coppie.
Il progetto ha così costituito una vera e propria filiera “virtuosa” che comprende enti pubblici, in particolare Comuni, progettisti e costruttori edili e banche.  Agli enti pubblici il progetto chiede di mettere a disposizione terreni di proprietà, anche promuovendo bandi locali per l’individuazione di una graduatoria di nominativi ritenuti idonei all’assegnazione di tali “unità abitative a basso costo”. 
I requisiti saranno individuati da ciascun Comune. L’accordo prevede anche la possibilità che si vada a costruire su terreni non di proprietà degli Enti. In questo caso la richiesta è di prevedere un azzeramento, o almeno una riduzione, del contributo di costruzione, come anche la riduzione del valore della perequazione nel caso la proposta cadesse in aree di trasformazione urbana.
Un accordo quadro ha interessato anche i progettisti e le aziende del settore casa. Obiettivo, fare sintesi delle scelte realizzative degli interventi ottimizzando le conoscenze e le tecniche costruttive. I progetti, completi di elenco prezzi e capitolati e delle possibili varianti innovative, dovranno cercare di arrivare ad un costo di mille euro al mq. Ovviamente “chiavi in mano”, quindi compresi i costi per terreno, progettazione, costruzione, oltre agli oneri finanziari e non.
Per questo con le Banche e gli Istituti finanziari, Confartigianato ha concordato l’impegno a sostenere gli eventuali acquirenti concedendo finanziamenti per l’acquisto degli immobili alle condizioni concordate con il sistema Confidi dell’Associazione.
Il prototipo messo a punto dal progetto prevede per l’edificio la certificazione energetica in classe A secondo i criteri della bioedilizia e della sostenibilità. Una scelta che non solo aumenta il valore dell’immobile, ma che costringe i progettisti e i costruttori edili ad essere sempre aggiornati.

1-3 of 3