INDICAZIONI PER L'AUTORIPARAZIONE - EMERGENZA “CORONAVIRUS“ DPCM 11 MARZO 2020

pubblicato 12 mar 2020, 08:49 da Giancarlo Milanese   [ aggiornato in data 12 mar 2020, 09:24 ]
Con riferimento all’emergenza "coronavirus" e alle misure di prevenzione e contrasto varate dal Governo per contenere il rischio contagio, Vi informiamo che è stato emanato ieri sera dal Presidente del Consiglio dei Ministri un nuovo Decreto che allarga ulteriormente il campo delle restrizioni già previste su tutto il territorio nazionale dal DPCM del 9 marzo 2020 ("Resto a Casa") ad altre, specifiche, categorie prevalentemente commerciali.

Come è noto il DPCM del 9 marzo u.s. ha stabilito l’estensione e l’applicazione a livello nazionale delle misure di cui all’articolo 1 del precedente DPCM 8 marzo 2019, rendendo l’intero territorio italiano zona protetta, in particolare con il divieto di spostamento delle persone fisiche, a meno di giustificate ragioni (esigenze lavorative, stati di necessità e motivi di salute) da comprovare mediante autocertificazione.

Il nuovo Decreto varato ieri individua la tipologia di attività che sono sospese fino al 25 marzo 2020, indicando espressamente negli allegati 1 (commercio al dettaglio) e 2 (servizi alla persona) l’elenco categorico delle attività consentite.

Per quanto riguarda l’autoriparazione, ricompresa fra le attività produttive e professionali citate dal Decreto, è consentita con raccomandazioni e prescrizioni di comportamenti da osservare.

Ne consegue che le imprese del settore autoriparazione possono continuare a svolgere l’attività, a condizione che vengano rispettate e garantite le misure di prevenzione indicate al punto 7 dell’articolo 1 del DPCM 11-3-2020, per contenere il rischio contagio a salvaguardia degli imprenditori, dei dipendenti e dei clienti. 

L’autoriparazione rientra quindi fra quelle attività offerte al pubblico che, in quanto ritenute essenziali, sono quindi ammesse e possono motivare gli spostamenti degli utenti/clienti, secondo le previste modalità di autocertificazione.

Si segnala a tal proposito che in molte parti d'Italia gli organi di polizia starebbero intimando la chiusura delle Officine di Autoriparazione sul presupposto che non svolgono attività di servizio essenziale.

A questo proposito precisiamo che deve farsi riferimento alle ragioni per cui il cittadino può circolare dotandosi di autocertificazione dichiarativa dello stato di necessità da cui si ricava, indirettamente, che nei casi di specie lo stato di necessità è connesso alla riparazione dell’auto in quanto, sempre fatte salve ordinanze locali più restrittive, disporre di un veicolo in efficienza è "essenziale" in relazione alle possibili necessità di spostamento per urgenze di carattere sanitario o lavorativo.

Ai fini di indicare dei comportamenti guida rispetto alle raccomandazioni richieste dal Decreto, trasmettiamo in allegato dei modelli di riferimento sulle misure di prevenzione e precauzioni da adottare sia nei rapporti con i clienti sia per quanto concerne i rapporti con i dipendenti.

Con riserva di ulteriori aggiornamenti.
ĉ
Giancarlo Milanese,
12 mar 2020, 08:49
Ċ
Giancarlo Milanese,
12 mar 2020, 09:24
ĉ
Giancarlo Milanese,
12 mar 2020, 08:51
Comments