Blog gruppo Automotive


REGIONE VENETO.CONTRIBUTI PER INVESTIMENTI NEL SETTORE AUTORIPARAZIONE

pubblicato 14 giu 2019, 03:30 da Giancarlo Milanese   [ aggiornato in data 14 giu 2019, 05:28 ]

Con la Deliberazione n. 769 del 4 giugno 2019 la Giunta regionale del Veneto ha approvato il “Bando per l'erogazione di contributi alle imprese del settore manifatturiero e dell'artigianato di serviziche prevede contributi pari al 30% a fondo perduto, la spesa minima prevista è pari a 60.000 € e quella massima a 500.000 €.
 
Le spese ammissibili sono le seguenti:
  • - Acquisto di macchinari e\o attrezzature e alcuni automezzi speciali (es. autocarri per soccorso stradale);
  • - Programmi informatici pari al 50% della spesa sostenuta per il punto A (max 100.000€).
  • - Consulenza Specialistica (logistica, marketing, temporary manager, ecc) pari al 20% della spesa sostenuta per il punto A (max 5.000€).
  • - Spese di certificazioni da parte di organismi accreditati ad Accredia.
  • - Spese per le garanzie fideiussorie.
Le spese devono essere sostenute tra il 9 luglio 2019 ed il 4 maggio 2021.
 
Per gli investimenti in ottica "industria 4.0" ci sarà uno sportello riservato per la presentazione della domanda che aprirà il giorno 9 luglio, mentre per i progetti in non classificabili "industria 4.0" lo sportello aprirà il giorno 18 luglio.
 
Di seguito riportiamo i codici Codici ATECO 2007 delle attività di manutenzione e riparazione autoveicoli destinatarie del contributo:
45.20.1 - Riparazioni meccaniche di autoveicoli
45.20.10 - Riparazioni meccaniche di autoveicoli
45.20.2 - Riparazione di carrozzerie di autoveicoli
45.20.20 - Riparazione di carrozzerie di autoveicoli
45.20.3 - Riparazione di impianti elettrici e di alimentazione per autoveicoli
45.20.30 - Riparazione di impianti elettrici e di alimentazione per autoveicoli
45.20.4 - Riparazione e sostituzione di pneumatici per autoveicoli
45.20.40 - Riparazione e sostituzione di pneumatici per autoveicoli
45.20.9 - Autolavaggio e altre attività di manutenzione
45.20.91 - Lavaggio auto 
45.20.99 - Altre attività di manutenzione e di riparazione di autoveicoli
45.40.3 - Manutenzione e riparazione di motocicli e ciclomotori (inclusi i pneumatici)
45.40.30 - Manutenzione e riparazione di motocicli e ciclomotori (inclusi i pneumatici)
 
 
Per ogni ulteirore informazione e per la predisposizione delle domande in tempo utile, rivolgersi presso i ns uffici territoriali.

NOTIZIARIO CONFARTIGIANATO AUTORIPARAZIONE. REVISONE MEZZI PESANTI. AUTOPROMOTEC

pubblicato 20 mag 2019, 04:04 da Giancarlo Milanese   [ aggiornato in data 20 mag 2019, 05:45 ]

 


AUTOPROMOTEC 2019: BOLOGNA FIERE 22-26 MAGGIO 2019

Confartigianato Autoriparazione parteciperà alla 28ª edizione di Autopromotec – Biennale internazionale delle attrezzature e dell’aftermarket automobilistico - che si svolgerà presso la Fiera di Bologna dal 22 al 26 maggio 2019.
La nostra presenza prevede uno stand istituzionale, ubicato nel Padiglione 29-stand G 20, e una una serie di iniziative che culmineranno con il Convegno previsto per sabato 25 maggio alle ore 14.00 presso la Sala Link Room, dal titolo “Il futuro dell’autoriparazione: i cambiamenti dello scenario, della mobilità e della manutenzione”, a cui interverranno i vertici di Confartigianato Autoriparazione e altri autorevoli relatori.
Altro momento particolarmente significativo, l’incontro del 23 maggio alle ore 15, con la delegazione cinese formata da figure apicali di Sinomach Int. (China National Machinery Industry International Co., Ltd) e dai Segretari Generali delle seguenti Associazioni: Committee for Vehicle Use Motor & Electrical Appliances of CAAM, The Remanufacture Committee of China Association of Automobile Manufacture (CPRA), Ruian Auto & Automobile Parts Manufacture Association, Jinhua Auto & Automobile Parts Manufacture Association, Yuhuan Auto & Automobile Parts Manufacture Association.
La delegazione sarà accolta dal Vice Presidente Vicario di Confartigianato Marco Granelli e dai vertici di Confartigianato Autoriparazione.


REVISIONI VEICOLI SUP. 35 Q.LI – ESITO INCONTRO CON DG MOTORIZZAZIONE SU ATTUAZIONE NORME RELATIVE AL CONFERIMENTO DEL SERVIZIO A PRIVATI
 
Il 24 aprile 2019 si è tenuto l’incontro convocato dalla Direzione Generale Motorizzazione in ordine all’attuazione delle norme, di cui alla L. 145/2018, per il conferimento ai privati delle revisioni dei veicoli superiori a 3,5 t.
L’Amministrazione ha anticipato come intende rendere operative le richiamate norme, tenendo conto che si tratta di mezzi pesanti, che vi sono rilevanti implicazioni per la sicurezza stradale e che vanno conciliate le seguenti criticità:
  • esclusione dall’ambito applicativo dei rimorchi e semirimorchi;
  • regime di concessione che fa presupporre un limite temporale diversamente dall’autorizzazione prevista per i veicoli leggeri;
  • difficile individuazione aree critiche sul territorio ove intervenire;
  • non sono definite caratteristiche e attrezzature dei locali delle officine che devono eseguire le richiamate revisioni;
  • occorre un meccanismo di controllo per accertare/certificare l’idoneità dei centri di revisione abilitati, nonché;
  • un’attività ispettiva da parte della Motorizzazione per verificare corretta esecuzione delle operazioni di revisione.
Primo tassello già definito del complesso mosaico, l’approvazione del nuovo standard formativo per gli ispettori dei centri controllo, sancito con Accordo Conferenza Stato Regioni del 17 aprile 2019 che prevede un apposito percorso di formazione di 50 ore.
Alla luce del circoscritto perimetro di applicazione e degli aspetti controversi delle disposizioni della L. 145/2018, il MIT sta lavorando ad una rivisitazione e implementazione della disciplina ex art. 29 della L. 870/86, puntando su formazione, controlli e professionalità degli operatori, a garanzia della sicurezza stradale.
Tale soluzione, con un taglio inizialmente sperimentale e in attesa di intervenire, comunque, a livello legislativo per perfezionare le suddette norme, si innesterebbe su un percorso già in essere, avvalendosi delle imprese qualificate ai sensi della L. 122/1992 che operano sui mezzi pesanti.
La proposta prospettata verrà declinata nei dettagli dal MIT e sarà poi sottoposta alla valutazione delle Organizzazioni di categoria, prevedendo nuove occasioni di incontro e di confronto per mettere a punto la disciplina della materia.
 
  
REVISIONI MACCHINE AGRICOLE ED OPERATRICI – EMANATO DECRETO INTERMINISTERIALE
 
È stato emanato dal Ministro Infrastrutture e Trasporti di concerto con il Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali il Decreto n. 80 del 28-2-2019 con cui vengono prorogate le scadenze per la revisione periodica delle macchine agricole e operatrici.
 Il quadro normativo che disciplina la materia non è ancora completo in quanto dovrà essere perfezionato con il Decreto attuativo che stabilisce le modalità di esecuzione delle revisioni delle suddette macchine. Queste le nuove scadenze previste per i controlli:
  • veicoli immatricolati entro il 31 dicembre 1983 – revisione entro il 30 giugno 2021;
  • veicoli immatricolati dal 1° gennaio 1984 al 31 dicembre 1995 – revisione entro il 30 giugno 2022
  • veicoli immatricolati dal 1° gennaio 1996 al 31 dicembre 2018 – revisione entro il 30 giugno 2023
  • veicoli immatricolati dopo il 1° gennaio 2019 – revisione al 5° anno entro la fine del mese di prima immatricolazione.
 
2ª EDIZIONE PREMIO CONFARTIGIANATO E-MOTION MOTORI IN OCCASIONE FORMULA E-PRIX DI ROMA
 
Piena riuscita per la seconda edizione del Premio Confartigianato Motori Formula E che è stato inaugurato con successo nel 2018 e che riprende e valorizza in un’ottica innovativa lo storico Premio legato al GP di F1 di Monza, proiettando il settore dell’autoriparazione nel mondo dell’elettrico.
 L’evento, organizzato in collaborazione con APA Confartigianato Milano, Monza e Brianza in occasione della tappa italiana del Campionato Mondiale ”E-Prix”, si è tenuto a Roma l’11 aprile scorso e ha visto gli interventi del Presidente di Confartigianato Giorgio Merletti e del Segretario Generale Cesare Fumagalli, del Presidente di Confartigianato Autoriparazione Alessandro Angelone e di altri autorevoli relatori.
Il programma si è articolato in un talk show sui temi della mobilità elettrica, con particolare riferimento agli effetti delle nuove tecnologie nel settore automotive, sempre all’insegna del tradizionale filo conduttore “dalle corse alla strada” che identifica il perfetto, funzionale connubio tra manualità artigiana degli autoriparatori e sofisticazione delle auto da corsa.
Il mondo delle competizioni automobilistiche, infatti, rappresenta l’apice della piramide e la sintesi di un sistema avanzato di tecnologia raggiunto anche grazie al qualificato apporto professionale degli autoriparatori che operano quotidianamente per garantire l’efficienza dei veicoli e la sicurezza degli automobilisti.
A conclusione dell’evento sono stati consegnati i riconoscimenti a piloti, direttori sportivi e tecnici delle scuderie della Formula E e delle principali aziende che operano nel settore della mobilità elettrica.

SOTTOSCRITTO L'ACCORDO SULLE LINEE GUIDA PER LE RIPARAZIONI A REGOLA D’ARTE

pubblicato 20 mag 2019, 02:03 da Giancarlo Milanese   [ aggiornato in data 21 mag 2019, 05:43 ]

Giovedì 16 maggio 2019, presso la sede del CNEL, Confartigianato Imprese, congiuntamente a CNA, CASARTIGIANI, ANIA e le Associazioni dei CONSUMATORI, ha sottoscritto l’Accordo sulle linee guida per la definizione di standard minimi per la riparazione a regola d’arte e raccomandazioni per un servizio di qualità, in attuazione alla Legge n. 124/2017, articolo 1, comma 10 (allegato), arrivando finalmente alla conclusione di un impegnativo percorso. 
 
Consideriamo l’Accordo raggiunto un risultato positivo e soddisfacente, frutto di una lunga e difficile trattativa con le controparti in cui siamo riusciti a difendere la nostra posizione e ad affermare le istanze fondamentali a tutela delle imprese rappresentate e che siamo convinti possa determinare una svolta positiva sul mercato in quanto coinvolge e corresponsabilizza tutte le parti della filiera interessate. 
 
In particolare, ci teniamo ad evidenziare la portata e il significato politico/sindacale del documento sottoscritto che non deve essere letto come mera declinazione di parametri tecnici, ma come sistema di regole e procedure impegnative per le parti volte a innescare un meccanismo virtuoso di corretti comportamenti sul mercato, nel rispetto delle norme di legge. 
 
L’accordo persegue principalmente le seguenti finalità:
  • favorire prassi corrette e condizioni concorrenziali sul mercato, alla base delle riparazioni a regola d’arte;
  • garantire un elevato standard di servizio e trasparenza di informazioni, a tutela del consumatore, concorrendo in maniera determinante alla sicurezza stradale, aspetto che valorizza il ruolo strategico delle imprese dell’autoriparazione;
  • migliorare i rapporti tra gli attori del mercato e prevenire/ridurre situazioni di contenzioso e conflittualità fra le parti che danneggiano le imprese;
  • garantire tempi certi di pagamento.
Questi sono i fondamentali vantaggi delle Linee Guida a salvaguardia dei principi da noi sempre sostenuti a tutela della libera scelta del cittadino di rivolgersi al proprio carrozziere di fiducia e il suo diritto di cessione del credito.
 
Ci preme richiamare l’attenzione sul fatto che questa è la lettura corretta delle Linee Guida e che i messaggi e le comunicazioni fortemente critici sul documento che stanno circolando sui media sono assolutamente fuorvianti e privi di fondatezza, ad opera di soggetti che perseguono interessi totalmente diversi, estranei alla tutela sindacale delle imprese di autoriparazione e a ristabilire equilibri corretti e condizioni concorrenziali sul mercato, a beneficio di tutte le parti.
 
Infine, il documento sulle linee guida deve essere inteso non in senso statico, ma come strumento dinamico da aggiornare costantemente, con l’intento di rendere continuativo il confronto tra le parti quale osservatorio permanente che vedrà adesso l’avvio della fase operativa di attuazione, nonché sessioni tematiche per declinare i contenuti specifici dell’accordo.
 
Per illustrare nel dettaglio i contenuti dell'accordo, Confartigianato Carrozzieri organizzerà assemblee a carattere nazionale, cui seguiranno analoghe iniziative nel nostro territorio.

Con riserva di fornire ulteriori informazioni in merito all'iniziativa.

SANCITO L’ACCORDO SULLA FORMAZIONE DELL’ISPETTORE DEI CENTRI AUTORIZZATI ALL’EFFETTUAZIONE DELLE REVISIONI

pubblicato 23 apr 2019, 08:18 da Giancarlo Milanese   [ aggiornato in data 23 apr 2019, 08:47 ]

Facendo seguito alle nostre precedenti comunicazioni, Vi informiamo che la Conferenza Permanente per i Rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano, nella seduta del 17 aprile u.s., ha sancito l’Accordo sui criteri di formazione dell’ispettore dei centri di controllo autorizzati all’effettuazione della revisione dei veicoli a motore e dei loro rimorchi, di cui all’articolo 13 del Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti 19 maggio 2017, n. 214.
 
Evidenziamo che l’azione svolta da Confartigianato Autoriparazione/ANARA  in materia ha consentito di raggiungere un risultato estremamente importante in quanto, rispetto al testo iniziale che era stato presentato dal Ministero Infrastrutture e Trasporti, abbiamo ottenuto correttivi sostanziali, nell’ottica di tutelare le imprese in attività ed evitare impatti penalizzanti per l’adeguamento ai nuovi parametri di qualificazione professionale, più restrittivi, previsti dalla Direttiva europea 2014/45/UE.
 
Questi i punti prioritari a tutela delle nostre aziende che tengono conto delle istanze rappresentate dalla categoria:
  •  E’ sancito il principio del riferimento alla Legge n. 122/1992 per l’esercizio dell’attività di revisione, aspetto fondamentale per la salvaguardia delle imprese associate da noi sempre tenuto fermo quale sinonimo e garanzia di qualificazione professionale che contraddistingue le nostre aziende;
  • La durata della formazione continua è stata ridotta a 20 ore, in tre anni, rendendo compatibile il percorso, inizialmente molto più consistente, con la realtà delle nostre imprese associate. Viene riconosciuta l’esperienza maturata pregressa. Al termine dei corsi di aggiornamento della formazione non è previsto il superamento dell’esame. 
  • Nelle norme transitorie, viene riconosciuta al sostituto ispettore, figura non più contemperata dalla Direttiva 2014/45/UE, la possibilità operare in deroga fino all’adozione dei decreti attuativi previsti dall’articolo 13 del Decreto Ministero Infrastrutture e Trasporti di recepimento della richiamata Direttiva. Con questa norma viene data piena efficacia ed attuazione alla proroga ottenuta da Confartigianato nell’ambito del D.L. “Proroga Termini” approvato a settembre del 2018, con la quale viene rinviata l’entrata in vigore del nuovo regime dell’ispettore del centro di controllo.
  • E’ previsto un corso di 50 ore per integrare le competenze ai fini delle revisioni sui mezzi superiori a 3,5 t, alla luce della norma contenuta in Legge di Bilancio n. 145/2018. 
 
Per quanto concerne i requisiti di ingresso per diventare ispettore del centro di controllo quindi per i nuovi ispettori, il programma di formazione è stato adeguato per rispondere ai più elevati livelli di competenza tecnico-culturale e di qualificazione richiesti dalla Direttiva europea (2014/45/UE) e ciò ha comportato necessariamente l'introduzione del requisito dell'esperienza maturata nel settore e un consistente aumento del numero di ore di formazione per conseguire l’abilitazione (120 + 176 + 50)  .
 
Si trasmette  il testo dell’Accordo con la tabella di durata dei corsi su cui ci riserviamo eventuali ulteriori approfondimenti.

REGIONE VENETO. CONTRIBUTI PER ACQUISTI AUTO A BASSO IMPATTO AMBIENTALE. DOMANDE ENTRO IL 31.05.2019

pubblicato 8 apr 2019, 08:24 da Giancarlo Milanese   [ aggiornato in data 8 apr 2019, 08:26 ]


E’ stato pubblicata nel BUR n. 29 del 29.03.2019 la DGR n. 328 del 26.3.2019 che approva il Bando 2019 per la concessione di contributi direttamente ai cittadini per la rottamazione di veicoli inquinanti e la loro sostituzione con veicoli a basso impatto ambientale di nuova immatricolazione. 
 
Lo stanziamento è di 500 mila euro e potranno beneficiarne i privati che acquisteranno autoveicoli M1 (trasporto persone) in linea con gli standard europei, per i quali è prevista l’erogazione di :
  • 2.000 euro per autoveicoli bifuel (benzina/GPL o benzina/metano);
  • 3.500 euro per autoveicoli ibridi (benzina/elettrica) e
  • 3.500 euro per autoveicoli elettrici.
Scadenze:
  • Il nuovo veicolo dovrà essere acquistato a decorrere dal 29.3.2019 fino al 15.10.2019;
  • La cessazione della circolazione per demolizione/rottamazione del veicolo per il quale non è previsto il limite di cilindrata, deve avvenire nel periodo tra il 2.1.2019 e il 15.10.2019;
  • Le domande di contributo vanno presentate entro il 31.5.2019.
  

 

UN UTILE PRO MEMORIA. CLAUSOLE SULLA CESSIONE DEL CREDITO E RISARCIMENTO IN FORMA SPECIFICA

pubblicato 5 apr 2019, 03:31 da Giancarlo Milanese   [ aggiornato in data 5 apr 2019, 06:29 ]

Le clausole che limitano la cessione del credito e quelle relative al risarcimento in forma specifica presenti in alcune polizze RCA sono illegittime perché vessatorie

Tutte le condizioni di polizza che prevedono franchigie o penali nel caso in cui l’auto venga riparata da un carrozziere non approvato dalla compagnia di assicurazione penalizzano l’automobilista nella libera scelta del carrozziere: situazione in assoluto contrasto con quanto dispone il Codice del Consumo. 

I carrozzieri di Confartigianato Imprese Marca Trevigiana hanno portato all’evidenza che le clausole oggetto di discussione:
- vietano la cessione del credito o prevedono che essa sia valida solo se effettuata a favore di carrozzerie convenzionate con la compagnia di assicurazione;
- prevedono che l’assicurato non possa cedere i crediti e i diritti derivanti dal contratto, salvo preventivo consenso dell’impresa da rilasciarsi entro un certo numero di giorni (termine oltre il quale si intende prestata una sorta di silenzio assenso); 
- impongono, inoltre, a fronte di uno sconto sul premio non sempre precisato,  il pagamento di una penale nel caso in cui l’assicurato, venendo meno all’impegno di rivolgersi ad un carrozziere convenzionato, si rivolga ad un carrozziere di fiducia. 

Si ricorda che già nel 2017 l’Istituto per la Vigilanza delle Assicurazioni – IVASS, dopo l’ennesima sentenza a favore dei carrozzieri, ha riconosciuto che tali clausole tendono a limitare la cessione del credito da parte dell’assicurato a favore di terzi e penalizzano il ricorso a riparatori non convenzionati, richiamando l’attenzione delle compagnie di assicurazione sulla necessità di formulare clausole RCA che non pregiudichino in nessun modo la libertà del consumatore/assicurato di cedere il suo credito, scegliendo il proprio carrozziere.

Non solo, l’Istituto si è anche impegnato, in presenza di simili clausole, ad effettuare le conseguenti segnalazioni alla Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM), competente ad accertare la vessatorietà delle clausole contrattuali ai sensi dell’art. 37 bis del Codice del Consumo. 

“I pronunciamenti dell’AGCM e dell’IVASS e le ormai molteplici e anche recenti sentenze a favore delle carrozzerie, cessionarie del credito che hanno potuto ottenere il rimborso dalle compagnie di assicurazione, nei casi in cui veniva tagliata dal risarcimento la franchigia, prevista per chi non si rivolge alle carrozzerie convenzionate, non dovrebbero lasciare ulteriori dubbi sulle attuali condizioni giuridiche e legali di assoluta tutela per le carrozzerie indipendenti che decidono di utilizzare la cessione del Credito”- afferma il Presidente dei Carrozzieri di Confartigianato IMT- “Attraverso le leggi e la loro corretta applicazione i carrozzieri possono tutelare efficacemente i propri interessi.
Questa condizione, da sola e al di là di possibili accordi con le compagnie, è in grado di garantire ancora un futuro alla categoria. Serve che ognuno di noi acquisisca una maggiore consapevolezza di questo ed inizi ad operare scelte non solo nel proprio interesse ma anche per quello dei propri colleghi e del territorio in cui opera, mettendo in primo piano professionalità, rispetto delle regole e trasparenza”. 

RITRATTI DEL CORAGGIO: OSPITE L'ING. MAURO FORGHIERI GIA' DIRETTORE TECNICO DI FERRARI

pubblicato 22 mar 2019, 01:33 da Giancarlo Milanese   [ aggiornato il 25 mar 2019, 02:34 da Edi Barbazza ]

Sarà inaugurato dall'ing. Mauro Forghieri, per oltre 27 anni direttore tecnico degli autoveicoli da competizione della Scuderia Ferrari, il primo appuntamento del ciclo di incontri RITRATTI DEL CORAGGIO promosso da Confartigianato Imprese AsoloMontebelluna.

L’evento è in programma venerdì 29 marzo 2019 alle ore 20.30 nei locali della Fornace di Asolo in via Strada Muson, 2/b ad Asolo (TV).
 
RITRATTI DEL CORAGGIO ha lo scopo di indagare il comportamento dell'uomo quando si manifestano delle difficoltà in ambito lavorativo e non solo.
L'ospite di questa prima serata consentirà di capire e carpire i segreti per azioni di coraggio che non richiamino, come spesso accade, gli strumenti della violenza, ma gli strumenti dell'intelletto.  

ECOTASSA E ECOBONUS AUTO. PUBBLICATE LE ISTRUZIONI DELL’ AGENZIA ENTRATE. MANCA IL DECRETO.

pubblicato 1 mar 2019, 03:57 da Giancarlo Milanese   [ aggiornato in data 1 mar 2019, 04:42 ]

E' scattato oggi l'ecobonus, che premia chi acquista auto elettriche e ibride, e l'ecotassa che prevede un tributo da 1.100 a 2.500 euro in base alle emissioni di CO2 della vettura.

L'Agenzia delle Entrate ha pubblicato le prime indicazioni relative all'imposta sui veicoli inquinanti e sulle detrazioni fiscali per l'installazione dei punti di ricarica e la rottamazione di mezzi ad alte emissioni di CO2.

L'ecotassa interessa soltanto le auto acquistate e immatricolate dal primo marzo fino al 31 dicembre 2021. Il suo importo è parametrato in base a 4 scaglioni di emissioni di CO2 e va versata tramite F24. L'imposta non è applicata ai veicoli per uso speciale come camper, veicoli blindati, ambulanze, veicoli con accesso per sedia a rotelle.

Pronta anche la piattaforma on line per chiedere gli incentivi all'indirizzo ecobonus.mise.gov.it, che è stata attivata alle ore 12 di oggi.

Manca ancora invece il decreto che il Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti e con il Ministro dell'economia e delle finanze, dovrà emanare per l'attuazione dell'ecobonus su auto e moto non inquinanti e sulle colonnine di ricarica elettrica.

SCARICA LA RISOLUZIONE DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE

SCARICA LA GUIDA AGLI INCENTIVI PREVISTI DALLA LEGGE DI STABILITA'


LAVORARE IN SICUREZZA SU AUTO IBRIDE ED ELETTRICHE: 2 CORSI A DISPOSIZIONE

pubblicato 1 mar 2019, 01:09 da Giancarlo Milanese


Per permettere agli operatori del settore di operare in totale sicurezza, fornire le conoscenze per la conduzione dei lavori nell'ambito elettrico delle vetture ibride/elettriche e offrire alle aziende la possibilità di disporre di un vantaggio competitivo sul mercato dell’autoriparazione, Confartigianato Marca Trevigiana Formazione S.r.l. ha messo in calendario il corso "PES PAV" obbligatorio da 16 ore.
   
Date corso: 17 aprile e 3 maggio 2019 
 
Per ulteriori informazioni e PER ISCRIVERTI CLICCA QUI 
 
Per chi ha già frequentato questo corso è stato organizzato anche UN CORSO DI APPROFONDIMENTO sulle modalità di intervento, manutenzione e messa in sicurezza dei principali veicoli elettrici ed ibridi attualmente in circolazione e sulle modalità del loro recupero stradale. 
 
Data corso 5 giugno 2019 
 
Per ulteriori informazioni e PER ISCRIVERTI CLICCA QUI 
  
 
   
SONO INOLTRE APERTE LE ISCRIZIONI ANCHE PER I SEGUENTI CORSI:
    
Ulteriori informazioni: Confartigianato Marca Trevigiana Formazione S.r.l. – Domenico Rottari - tel 0422/433250.
 
  


RICARICA CLIMA. NUOVO DECRETO F-GAS PUBBLICATO IN GAZZETTA UFFICIALE

pubblicato 17 gen 2019, 08:30 da Giancarlo Milanese   [ aggiornato in data 17 gen 2019, 08:54 ]

Si informa che è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n.7 del 9 gennaio 2019, il Decreto del Presidente della Repubblica 16 novembre 2018, n. 146, che disciplina le modalità di esecuzione del Regolamento (UE) n.517/2014 sui gas fluorurati a effetto serra e che abroga il Regolamento (CE) n. 842/2006. 

Il provvedimento, che entrerà in vigore il 24 gennaio p.v., dovrà poi essere perfezionato dall’ emanazione del Decreto Sanzioni che renderà realmente efficace il nuovo impianto normativo e dagli schemi di accreditamento che saranno messi a punto da ACCREDIA. 

Trasmettiamo in allegato il DPR n. 146 nonché la nota esplicativa sugli obblighi a carico delle imprese del settore dell’autoriparazione, aggiornata dall’Ing. Daniele Gizzi, Responsabile del Settore Ambiente e Economia Circolare. 

Nel contempo, prosegue l’azione di Confartigianato Autoriparazione per ottenere le massime semplificazioni a favore delle imprese associate, sul piano degli oneri economici e degli adempimenti burocratici.

1-10 of 86